Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale: entro il 2016 un miliardo di cinesi potrebbero ascoltare il DAB in FM

I cinesi ci provano anche con la radio digitale, lanciando un DAB in FM (ma adattabile anche alle onde medie), con un formato, chiamato CDR (China Digital Radio), che si sovrappone alla consolidata tecnologia USA HD Radio e al DRM (qui i dettagli comparativi).
Il nuovo standard è in sperimentazione nella Repubblica Popolare Cinese dal novembre 2014 sotto la sigla GY/T 268.1-2013 ed il relativo studio applicativo è stato pubblicato dalla “State Administration of Press, Publication, Radio, Film and Television of the People’s Republic of China (SAPPRFT)”. Il modello radiofonico digitale cinese utilizza algoritmi LDPC per la correzione degli errori, che, secondo gli ideatori, sono da considerarsi molto più potenti di altri sistemi FEC usati su altri standard radio (circostanza che ridurrebbe di molto il problema della soggezione ai fenomeni interferenziali), mentre la compressione audio è basata sullo schema di codifica cinese DRA. Nella modulazione di frequenza (l'ambito tipico del formato), il format CDR impiega sottobande di 100 kHz (con un bitrate che può variare da 36 a 356.4 kbps ed una efficienza spettrale massima di 3.56 bit/Hz) ed ogni broadcaster può impiegare da 200 a 800 kHz (nella trasmissione ibrida analogico/digitale sono richiesti 400 kHz) per la veicolazione di 4 o più canali. Un singolo canale di 200 kHz può quindi portare un bitrate da 72 a 712.8 kbps con un rapporto C/N inferiore di 2 dB rispetto a sistemi DRM comparabili. Secondo i cinesi, che stanno sperimentando tre reti a Beijing, Guangzhou (con apparati GatesAir da 5, 10 e 20 kW) e Shenzhen (con un upgrade in 560 città per fine 2016), a 24 kbps la qualità è "quasi FM", a 48 kbps è “migliore dell’FM e a 64 kbps è comparabile con l’MP3 a 128 kbps”. SAPPRFT spiega che per la ricezione è già pronto un set di chip al silicio per radio FM, che avranno una SD card reader e porte USB. Con un mercato potenziale di oltre un miliardo di ascoltatori e l’imprimatur del governo cinese, il CDR potrebbe affermarsi come uno standard alternativo ad altri formati, ancorché limitato a paesi con una FM non certamente congestionata come quella italiana (anche se la circostanza che il modello non sottrae o condivide risorse spettrali con altri servizi - come per esempio il DAB+ col DTT - ed assegna un interessante sfruttamento della FM in una fase post analogica lo rende meritevole di approfondimento). Rich Redmond, chief product officer di GatesAir, fornitore dei trasmettitori equipaggiati con tecnologia CDR, ha dichiarato: "La flessibilità di China Digital Radio standard, che comprende la consegna ibrido FM/digitale ed un sistema multicasting basato su IP, è una porta spalancata sul futuro e sul resto del mondo. Siamo entusiasti di essere parte integrante di questa transizione digitale cinese". (M.L. per NL)
11/07/2016 12:17
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.