Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale, FRT alle locali: non costituite tanti piccoli consorzi, ma grandi enti indipendenti dalle associazioni di categoria
Presa di posizione della Federazione Radio Televisioni nei confronti della radio digitale in un momento particolarmente frenetico per il settore.
In un comunicato diffuso ieri, la Federazione ha fatto sapere che il C.R.DAB, Consorzio che aderisce all'ente esponenziale, ha presentato al TAR Lazio un ricorso avverso il Regolamento che disciplina l’avvio delle trasmissioni radiofoniche in tecnica digitale (Del. 664/09/Cons), ritenendolo "fortemente discriminatorio e penalizzante per tutta l’emittenza locale, con particolare riguardo alla norma contenuta all’art.12, comma 6 che prevede il rilascio dei diritti d’uso delle radiofrequenze, per ogni bacino o sub bacino di utenza, alle società consortili partecipate da almeno il 30% delle emittenti legittimamente esercenti nello stesso bacino o sub bacino". In attesa delle determinazioni del TAR Lazio, ed "al fine di attenuare la discriminazione operata nei confronti delle emittenti locali", secondo FRT "appare non utile costituire numerosi consorzi partecipati da poche emittenti che, di fatto, non potranno concorrere all’attribuzione dei diritti d’uso delle frequenze nei rispettivi bacini di utenza, soprattutto nelle aree geografiche in cui fanno servizio numerose radio locali, occorre invece partecipare a grandi Consorzi indipendentemente dalle associazioni di categoria cui si aderisce per poter concorrere con certezze maggiori all’attribuzione dei diritti d’uso. La partecipazione a grandi consorzi consente anche forti economie di scala per gli apparati e le spese di gestione che sono di dimensioni non facilmente sopportabili". A riguardo della radio numerica, va in effetti sottolineato come il momento sia particolarmente frenetico, in quanto i soggetti autorizzati alla prosecuzione nell’esercizio dell’attività di radiodiffusione sonora in tecnica analogica ai sensi dell’art. 1, comma 2-bis, della L. 66/2001 (in pratica le emittenti esistenti), sono abilitati (ex Del. 664/09/Cons) a richiedere al MSE-Com, entro quattro mesi dalla data di entrata in vigore del regolamento (quindi entro il 24 aprile 2010) l’autorizzazione per la fornitura dei programmi radiofonici numerici destinati alla diffusione in tecnica digitale su frequenze terrestri, in ambito nazionale o locale. E proprio tale circostanza sta creando (anche in conseguenza di una non sempre corretta informazione) una serie di equivoci: primo fra tutti la corsa alla costituzione di consorzi da parte di soggetti che non hanno ancora presentato la domanda come content provider, circostanza che ovviamente contrasta col disposto normativo che prevede che le società consortili che ottengono i diritti di uso delle radiofrequenze per le trasmissioni radiofoniche terrestri in tecnica digitale in ambito locale possono essere partecipate esclusivamente, con quote paritetiche e nel rispetto del principio di non discriminazione, da concessionari per la radiodiffusione sonora in ambito locale di cui all’articolo 3, comma 12, del Regolamento Agcom, che hanno ottenuto l’autorizzazione per l’attività di fornitore di programmi radiofonici in tecnica digitale. Sulla questione ricordiamo che la struttura di competenza a più livelli Consultmedia (collegata a questo periodico) ha predisposto un apposito service di assistenza per la presentazione delle domande per la fornitura di contenuti digitali sulla radio numerica ex Del. Agcom 664/09/Cons.
16/02/2010 07:46
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.