Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale. Il Regno Unito si prepara a dire addio all'analogico nel 2015. E le frequenze FM potrebbero andare agli operatori tlc
Il sottosegretario britannico alla Cultura con delega ai media, Ed Vaizey,  ha promesso di illustrare nei dettagli quella che sarà la roadmap per raggiungere l’obiettivo dichiarato: la migrazione tecnologica prima della fine del 2015.
Il piano (in assoluta controtendenza con il resto dell'Europa, che di mollare l'FM analogica non ci pensa nemmeno alla lontana) era già stato studiato dal precedente governo laburista, ma l’attuale maggioranza Tory l’ha ripreso, con l’obiettivo di tracciare un piano programmatico reale e dire addio alla radio analogica, nonostante le polemiche montanti che hanno preso piede nelle ultime settimane Vale a dire a partire dallo scorso 16 giugno, data d’annuncio del rilancio del piano. Vaizey, ad ogni modo, resta cauto e continua a parlare di obiettivo raggiungibile, ma non si lascia andare (per ora) a promesse ufficiali. “L’industria radiofonica – dice – crede che la migrazione nel 2015 sia un obiettivo raggiungibile, e noi lavoreremo per supportare questa ambizione”. Ma subito aggiunge: “Solo quando avremo con noi il peso dell’opinione pubblica, e più della metà delle radio saranno già ascoltabili in digitale, solo allora sapremo con esattezza quando il Paese sarà pronto”.  La strada che porta allo spegnimento del segnale radiofonico analogico è, però, in salita. In Gran Bretagna c’è chi critica aspramente il passaggio alla tecnologia DAB-T (formato peraltro ormai antico), come l’ex ministro thatcheriano Lord Norman Fowler, che ha attaccato il governo per la propria indifferenza agli ascoltatori più anziani e agli automobilisti, due target sensibili per il mezzo radiofonico. Lord Fowler ha anche sostenuto, in un’intervista per L’Express, che la tecnologia non sarebbe ancora pronta (o forse sarebbe meglio dire che è superata...) e quindi sarebbe inverosimile pensare di poter spegnere il segnale analogico già nel 2015. Ad ogni modo, il progetto della radio digitale non pare integrarsi granché con le evoluzioni degli standard tecnologici: per l’ascolto casalingo, infatti, la banda larga resta la soluzione migliore da abbinare alle frequenze FM, che, sempre secondo L’Express, il governo starebbe vendendo agli operatori di tlc, anche se l'ipotesi lascia perplessi sul piano tecnico.  Sul punto l'esperto Andrea Lawendel (Radio Passioni) scuote la testa: "Il dividendo digitale non può per ragioni di larghezza di banda scendere facilmente così in basso, almeno per i requisiti della telefonia cellulare". Ma il punto per Lawendel è un altro: "Oggi sappiamo che una buona infrastruttura DAB+ potrebbe rappresentare un asset interessante per la radio a bordo dell'automobile (se solo l'industria della car radio si degnasse di prenderla in considerazione...) ma che per la mobilità a piedi e l'ascolto indoor appare sempre più preferibile una combinazione di infrastrutture convenzionali FM e cablatura/copertura wireless a larga banda su protocollo IP". E anche sul piano economico vi sarebbe più d'una perplessità: "L'economia della radio ha un rapporto estremamente sfavorevole di margine rispetto all'interesse suscitato. La radio in altre parole piace a molte persone ma questo gradimento non si traduce in grande ricchezza. E' una commodity che si regge solo su costi di produzione e e trasmissione molto bassi. Il passaggio al digitale avrà un costo notevole che dovrà essere finanziato in qualche modo (soprattutto dal pubblico e anche con i proventi generati dalla radiofonia "vecchia"). La questione che va al di là della tecnologia è che tali investimenti sono giustificati solo se si tradurranno in una radiofonia capace in futuro o di costare ancora meno - cosa possibile, vista la generale diminuzione delle potenze in gioco anche se questa diminuzione si può tradurre in una minore copertura indoor - o di generare fatturati più consistenti", chiosa Lawendel. "La radiofonia pubblica può in teoria aumentare i canoni, ma si vede bene che attendibilità ha questa ipotesi per esempio qui in Italia, davanti alle notizie sul taglio delle sussistenze alle emittenti di informazione. La radiofonia commerciale dovrebbe aumentare i fatturati pubblicitari (con una minore ricezione indoor?) o inventarsi nuove formule di programmazione pay per use. La vedo sempre più difficile in questo contesto di crisi e in affiancamento a infrastrutture (Internet, le reti cellulari) che di fatto offrono già queste opportunità". Intanto, però, il mondo radiofonico inglese pare aver accolto bene la notizia del possibile passaggio integrale al digitale in cinque anni. Andrew Harrison, chief executive della radio commerciale Radio Centre, dice: “Siamo lieti che il nuovo governo abbia subito riconosciuto i benefici che la radio digitale porta agli ascoltatori. Certamente la roadmap che porta allo spegnimento dell'analogico aiuterà tutte le stazioni del settore commerciale a investire per il futuro”. È d’accordo anche Tim Davie, director audio e music della BBC. “Diamo il benvenuto all’impegno del governo per un futuro digitale della radio – afferma -. La BBC, insieme al Digital Radio UK, lavorerà al fianco del governo e del resto del settore radiofonico, per portare a termine il piano d’azione”. (G.C. per NL)
08/07/2010 19:59
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.