Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale. Verso le tariffe flat in mobilità per lo streaming senza limiti che lancerà l'IP Radio

Come previsto, il mercato della telefonia mobile va a gambe levate verso la fruizione di servizi di streaming audio senza limiti (o con limiti così elevati da rendere virtualmente illimitato l'accesso).
L'offerta pubblicizzata da Vodafone (sola la prima di tutte quelle che seguiranno a brevissimo a prezzi sempre più competitivi) consegue ovviamente all'operazione di dumping del provider francese Iliad, in procinto di mettere le mani sugli asset di Wind-3 consistenti in antenne e frequenze in eccedenza, oltre che ad un accordo sul roaming della durata di cinque anni (rinnovabile ad altri cinque) per riuscire a lanciare il proprio operatore, Free mobile, immediatamente in tutta Italia. L'aspetto interessante dell'offerta di Vodafone è l'accordo con alcuni fornitori di contenuti radio di spessore (nel caso di specie, Radio Deejay, Radio 105, RDS, R101, RTL 102.5 e Radio Italia oltre ai servizi Spotify, Deezer Music, SoundCloud) che traccia lo scenario che si consoliderà nei prossimi anni: quello di emittenti radiofoniche di forte appeal che saranno preeinserite nelle offerte dei provider telefonici per incentivare la sottoscrizione di abbonamento. Ovviamente gli operatori telefonici dovranno comunque consentire l'accesso incondizionato alla piattaforma IP (ancorché con procedure per l'accesso meno immediate rispetto a quelle delle emittente "favorite") anche a tutte le altre emittenti disponibili in webcasting, per evitare forti censure di trust. Il tutto, integrato dalla sviluppo della diffusione in 4 e 5G (in Italia dopo il 2020) e dalla connettività in auto, farà letteralmente esplodere l'IP Broadcasting, che diverrà in breve la vera espressione della radio digitale, ancorché in convivenza transitoria con altre piattaforme quali il DAB+, il DTT e ovviamente la modulazione di frequenza. D'altra parte, secondo l'analisi di BuzzAngle, nel primo semestre 2016 negli USA lo streaming è cresciuto del 58% e quello audio di Spotify ha ormai surclassato YouTube quanto a quantità di accessi. E quel che accade là, si riflette immancabilmente da noi con una latenza di 1 o 2 anni. (M.L. per NL)
08/07/2016 13:30
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
“Non vi sono frequenze sufficienti per permettere l’avvio del digitale a regime nei 23 bacini non ancora pianificati”; a dirlo non è uno dei tantissimi scettici del DAB+, la radio “digitale”, ma Marco Rossignoli, coordinatore di Aeranti-Corallo, supporter della tecnologia numerica terrestre di radiodiffusione sonora.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".