Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio e tv digitale & internet mobile, USA: Ford spinge sul Wi-Fi in auto
Giusto per buttare un po' di benzina sul falò del futuro webcentrico di radio e tv,  annotiamo l'annuncio di Ford di voler puntare sul car Wi-Fi.
La notizia, naturalmente, è stata bruciata da Radio Passioni di quel diavolo di Andrea Lawendel, che setaccia la rete meglio di Google, quando si tratta di nuove tecnologie abbinate alla radiofonia. RP, questa volta, sottolinea come "Il nuovo sistema Ford Sync, evoluzione della piattaforma di controllo e navigazione a riconoscimento vocale, affianca analoghi progetti di BMW, iDrive, di Chrysler, Uconnect e di General Motors in partnership con Autonet Mobile che evolveranno verso la real time Internet. Anche Il 2010 segnerà l'inizio alla larga banda semovente su quattro ruote. Dentro l'auto - e non è certo un problema, basta un modem USB - un segnale Wi-Fi (con buona pace di chi ne teme le nefaste conseguenze sulla salute). Ma la connettività vera e propria? Ovviamente verrà dalle infrastrutture 3g e prossimamente 4g della telefonia cellulare. A far riflettere sulla proposta Ford è l'intenzione della casa di coprire lei i costi di connessione. Chi acquista i nuovi modelli equipaggiati con Wi-Fi non dovrà preoccuparsi di ulteriori costi di abbonamento. La rivista Wired parla di passaggio dalla autobahn (autostrada) alla infobahn (autostrada dell'informazione). Grazie a Wi-Fi sarà possibile navigare su Web, parlare in Voip, guardare la IPTV e magari ascoltare la radio su Web?"
 
Ford Brings Wi-Fi to the Highway
By Chuck Squatriglia
December 21, 2009
 
Ford is making its cars into mobile Wi-Fi hot spots.
 
The next generation of the Sync in-car entertainment and information system will use a USB mobile broadband modem to establish a secure wireless connection capable of supporting several devices simultaneously. The system will be available next year on selected models — no word yet which ones — and you won’t need a subscription or hardware beyond the modem.
“While you’re driving to grandma’s house, your spouse can be finishing the holiday shopping and the kids can be chatting with friends and updating their Facebook profiles,” said Mark Fields, Ford president of the Americas. “And you’re not paying for yet another mobile subscription or piece of hardware because Ford will let you use technology you already have.”
Several automakers already offer in-car internet access — Japanese drivers have been using it since 1997 — and many others are rushing to bring it to us. Ford’s announcement follows General Motors’ promise last week to make in-car connectivity available in seven models of trucks and SUVs. They’re the latest automakers to bring the infobahn to the autobahn.
Mercedes recently announced it has successfully tested in-vehicle internet applications — including web browsing, vehicle software updates and VOIP — on a prototype 4G network. It follows BMW’s internet-connected iDrive system and Chrysler’s Uconnect Web in-vehicle mobile hotspot. With so many automakers getting in on the action, there’s a push to introduce hardware standards.
Ford is taking a decidedly different approach, opting to allow consumers to plug in their own USB modem to get connected. General Motors, on the other hand, offers a dealer-installed system called Chevrolet Wi-Fi by Autonet Mobile. It creates a Wi-Fi hot spot 300 feet in diameter around the vehicle, and GM claims the 3G network achieves speeds of up to 1.5 mbps. The hardware costs $199 after the $200 mail-in rebate, and the service costs $29 a month.
Given how connected we are, it makes sense for automakers to put the internet in our cars. The number of iPhones and other mobile devices being used to connect to the internet jumped 75 percent in the third quarter of this year, according to JiWire Mobile Audiences Insights Report.
Letting people log on from the road will be a big selling point among 20-something buyers, the so-called Millennials who have propelled much of Sync’s success. Millennials will make up 28 percent of the driving population next year, a nine-point increase from 2004. Kids aside, Ford says interest in in-car connectivity is high among the general public, with one-third of people surveyed by the Consumer Electronics Association expressing interest in being able to check e-mail or surf the web from the car.
 
28/12/2009 21:25
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.