Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio e tv locali: successo per la manifestazione odierna del Conna a Roma
La protesta organizzata dall'associazione di emittenti locali CONNA a Roma in data odierna è risultata "una manifestazione modello patrocinata dalle tre associazioni dei consumatori Adusbef, Codacons e Federconsumatori", ci fa sapere l'ente esponenziale.
Alla campagna di sensibilizzazione dei problemi gravissimi in cui si dibattono radio e tv locali erano presenti i responsabili del Conna, operatori radiofonici e tv, una decina di telecamere "per testimoniare la nuova presa di coscienza ed il rilancio di lotta delle locali"; l'agenzia giornalistica TA1 diretta da Stefano Zago ed il senatore Lello Ciampolillo. Spiega una nota del sindacato, "Poco dopo le ore 11 come previsto, in via Isonzo, sede dell'Agcom attraverso due potenti megafoni, simili ad un mostruoso impianto stereofonico direttivo, è stato chiesto dalla strada al presidente dell'Agcom Angelo Marcello Cardani se si rendesse conto di aver avvallato e dato continuità alla nefasta opera di Corrado Calabrò poeta mediocre e ancora più scadente presidente dell'Agcom. Finita la "sfuriata" fonica a base di dure accuse tutte però facilmente provabili, a due funzionarti scesi gentilmente, Laura Aria e Vincenzo Lobianco, abbiamo affidato la base programmatica del Conna che dovrà essere oggetto di discussioni tese a rimediare in extremis alla catastrofe compiuta - in parte irreversibile - che ha costretto alcune emittenti a chiudere definitivamente l'attività e a porre altre in condizioni di ristrettezze tali da pensare di farlo. Alle ore 14 - anche in questo caso come previsto dalla ferrea tabella di marcia - "secondo tempo" al largo Pietro Di Brazzà (Fontana di Trevi) sede del sottosegretario Antonello Giacomelli, dove dopo aver rilevato che in sede di amministrazione delle frequenze sono stati commessi una serie di abusi che potremmo meglio classificare come altrettanti "crimini radioelettrici", è stata ricordata l'enorme importanza e funzione sociale delle televisioni e radio locali le quali, di fronte a nuove regole imposte al mercato delle risorse - oggi quasi totalmente rastrellato dalle reti nazionali pubblicitarie - potrebbero sprigionare tutte le loro potenzialità compresse in 35 anni di attività stentata. A parte la funzione sociale-informativa al servizio dei cittadini compresi nel raggio d'azione dell'emittente stessa nei quali è insopprimibile la domanda di sapere cosa succede nella zona dove vivono, rimane di somma importanza la loro attività all'atto di calamità nazionali (terremoti, inondazioni o altro) dove l'emittenza locale - dotata di mezzi autonomi di trasmissione - è da considerare il mezzo migliore di organizzazione e di soccorso. Anche in questo caso ci è stata assicurata la possibilità di esaminare con il sottosegretario con delega alle comunicazioni Giacomelli la nostra base rivendicativa. La doppia manifestazione organizzata alla perfezione, senza una "sbavatura" che ha riscosso anche l'apprezzamento delle Forze dell'ordine, terminata intorno alle ore 15, ha visto ritornare nel loro comune di residenza tanti amici dal volto sorridente, contenti di essere stati presenti alla rinascita delle grandi battaglie del passato del Conna, pronti a ripetere la protesta fra due mesi se le richieste contenute nella nostra base programmatica risultassero disattese", conclude l'associazione. (E.G. per NL)
 
24/09/2014 16:48
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.