Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio e Tv, Lussemburgo: RTL Group, buoni i risultati 2013 da tutti i centri di profitto
 
Ebitda in ascesa per RTL Nederland e RTL Deutschland. I vertici per il futuro puntano su nuovi investimenti per broadcast, contenuti e DTT.
Il 2014 si prospetta un anno positivo per l’attività di RTL Group, il maggiore broadcaster europeo, che estende la sua influenza dai Paesi Bassi alla Spagna. Il gruppo, creato nel 2000 a seguito della fusione tra CLT-UFA (gruppo Bertelsmann AG e Groupe Bruxelles Lambert) e la britannica società di produzioni televisive Pearson TV (di proprietà del Gruppo Pearson PLC), ha fatto sapere con una nota che, nonostante i ricavi relativi allo scorso anno siano calati dell’1,8%, i margini sono stati positivi con un utile salito del 45,7%, raggiungendo gli 870 mln. Anke Schaeferkordt e Guillaume de Posch, i due chief executive officer del principale network di intrattenimento europeo, spiegando i progressi compiuti nel rafforzamento del core business e nella costruzione di nuovi motori di crescita, hanno dichiarato: “Abbiamo lanciato molte iniziative ma vogliamo fare di più. Sulla base della nostra posizione finanziaria in salute, abbiamo la capacità di investire per esplorare opportunità su tre pilastri strategici: broadcast, contenuti e digitale”. Il successo dei ricavi della società controllata da Bertelsmann (possiede ben 55 canali televisivi e 27 stazioni radio in tutta Europa) sarebbe da ricercare sia nella debolezza delle tv francesi sia nel controllo sulla casa di produzione Fremantlemedia, che ha per le mani format di grande fama come Got Talent e X Factor. Bene anche la situazione sul fronte estero: l’ebitda di RTL Nederland è aumentato del 6,2% toccando quota 103 mln (rispetto ai 97 mln del 2012), grazie alla maggiore pubblicità televisiva e alle entrate della distribuzione digitale. Mediengruppe RTL Deutschland ha raggiunto il suo miglior risultato finanziario mai ottenuto: l’ebitda è incrementato del 7,1% a € 622 milioni (nell’anno precedente il valore era pari a 581 mln). “Questo miglioramento - annunciano i vertici - è stato determinato dalla combinazione tra il successo pubblicitario e la continua disciplina dei costi”. Nel 2013 i ricavi digitali del gruppo RTL hanno mostrato un aumento dinamico del +26%, stimato in 236 milioni di euro; per il 2014 si prospetta un impegno costante al fine di accelerare la crescita degli utili e di mantenere la posizione di leadership nel mercato europeo. (V.R. per NL)
 
11/03/2014 09:29
 
NOTIZIE CORRELATE
Giglio Group (Aim Italia-Ticker GGTV), prima società di e-commerce 4.0, annuncia tre nuovi importanti accordi siglati a livello nazionale nell’ambito Broadcast &Telco, per il prossimo triennio.
RTL 102.5 registra, nel 2016, una raccolta pubblicitaria pari a 54 milioni di euro, in leggera flessione sul 2015, ma a fronte di previsione più fosche (si stimava un -10% su un anno che era andato molto bene anche grazie alle Olimpiadi di Rio), il consuntivo è decisamente positivo.
Gira e gira, i player sono sempre quelli e quindi Radio Italia, abbandonata per imposizione dell'Antitrust, Mediamond, la concessionaria captive di Mediaset e conclusa senza un nulla di fatto la lunga trattativa con Discovery (si dice perché il gruppo americano volesse anche partecipare al capitale della radio), torna da Manzoni, polo L'Espresso, editore di Radio Dee Jay, Capital ed m2o (la raccolta della tv di Volanti sarà invece appannaggio di Viacom Advertising & Brand Solutions, la concessionaria di Viacom Italia).
Spezzatino di frequenze servito ieri pomeriggio: sul reticolo di frequenze di Up Radio sono comparse RTL 102,500 (per quanto riguarda la potente 101,900 MHz di Milano) e Radio Freccia (sulla rete a 95.000-95,100-95,200 MHz in varie province lombarde e piemontesi e sulla rete a 96,300 MHz in Piemonte).
Mursia e RTL 102,5 lanciano una nuova collana dedicata al mondo della radio. L’ambizioso progetto, nato dall’accordo tra Fiorenza Mursia e Lorenzo Suraci, ha l’obbiettivo di coniugare due mondi convergenti, quello editoriale e quello radiofonico.