Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio e Tv, par condicio. CRTV: la cronaca politica non è misurabile con il cronometro

"Ancora una volta le norme sulla par condicio, applicate al solo iper regolamentato mezzo televisivo, dimostrano la loro vetustà.
La cronaca politica non è misurabile o valutabile ne' con la clessidra, ne' con il cronometro".
Così Confindustria Radio Tv in una nota polemica sull'attuale normativa in materia di "par condicio" elettorale. "È cosa diversa dalla comunicazione politica rigidamente vincolata dalla “par condicio”, su cui in linea generale le emittenti italiane, come certifica l'AGCom, stanno su livelli di ampio equilibrio - continua il sindacato rtv -. Per la trattazione della cronaca politica e delle attività istituzionali la regola fondamentale risiede nella deontologia professionale. Appaiono, perciò, fuorvianti e fuori luogo certe interpretazioni sulle rilevazioni AGCom, che deve misurare i tempi e la presenza dei politici in TV anche quando non si tratta l'argomento oggetto di imminente votazione popolare, come il referendum. Tempi e spazi della cronaca politica sono e debbono essere ragionevolmente valutati e l’ AGCom ha il difficile compito di applicare la legge non solo con criteri meramente ragionieristici. E’ quindi inaccettabile che i dati dell’ AGCom vengano tirati da una parte e dall’ altra secondo le rispettive convenienze.  Confindustria Radio Televisioni, considerata la delicatezza del momento e la grande attenzione sui temi in discussione, auspica pertanto che la consultazione referendaria possa svolgersi nel rispetto delle diverse posizioni politiche e rinnova il massimo impegno per la correttezza, la completezza e libertà dell'informazione", conclude il comunicato dell'ente esponenziale. (E.G. per NL)
23/10/2016 05:49
 
NOTIZIE CORRELATE
A riguardo dei gravissimi ritardi accumulati nell'erogazione dei contributi alle tv locali degli anni passati e sull'adozione del nuovo regolamento, Confindustria RTV ha fatto pervenire a Newslinet.it la lettera del Presidente dell’Associazione TV Locali Maurizio Giunco e delle OO.SS.LL SLC- CGIL, FISTEL –CISL, UILCOM/UIL al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che di seguito integralmente pubblichiamo.
Il Consiglio di Presidenza di Confindustria Radio Televisioni (CRTV) riunito a Roma, ha completato la definizione degli assetti interni per il triennio e messo a punto il programma essenziale di lavoro per l’anno in corso.
Il Ministero dello Sviluppo Economico (DGSCERP) ha comunicato all’Associazione TV Locali di Confindustria RTV che le procedure di erogazione dei contributi (anno 2015) ex L.448/98 alle emittenti televisive locali subiranno ritardi "per cause non dipendenti dalla volontà dell’amministrazione".
"Fine anno, tempo di bilanci e progetti", esordisce il presidente di Confindustria RTV, Franco Siddi, in un lungo editoriale inviatoci, con il quale coglie l’occasione, "da un lato, per fare un punto della situazione del settore radiotelevisivo, partendo da dati e informazioni elaborati nel corso dell’anno e sintetizzati nel documento allegato; dall’altro, per guardare al futuro, alle tante questioni aperte e in divenire, di cui molte prioritarie se non urgenti, su cui lavoreremo in collaborazione con le istituzioni, i regolatori e gli altri “stakeholder” del sistema nazionale e europeo".
Presa di posizione di Confindustria Radio Tv sul (previsto) ennesimo empasse del DAB+, impantanatosi a metà del guado con mezza Italia occupata da mux di rete nazionali e pressoché totale assenza dell'emittenza locale (fatti salvi sporadici bouquet territoriali assolutamente di scarsa rilevanza).