Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, Finelco: bene il semestre 2014 con +2,5% sull’anno precedente. Restyling in vista per RMC
 
Il Gruppo Finelco si è sempre distinto per la qualità e l'originalità dei propri programmi e non è certo la crisi economica che farà rinunciare a questa sua vocazione”.
Esordisce così una nota del gruppo radiofonico milanese dopo le notizie comparse nei giorni scorsi su alcuni organi di stampa circa presunti mancati rinnovi dei contratti per RMC con Alfonso Signorini e Teo Teocoli per problemi economici. “Su Radio 105 negli scorsi mesi – informa un comunicato del polo radiofonico - sono stati lanciati "Benvenuti nella Giungla" con Gianluigi Paragone e Mara Maionchi, poi un programma da Formentera, e la nuova sede di Miami. Su Virgin Radio in ottobre faranno la loro comparsa nei programmi due personaggi mitici della musica e del rock, e un nuovo programma notturno. Anche Radio Monte Carlo quindi si rinnova con un nuovo progetto editoriale che niente ha a che fare con la crisi economica. I personaggi coinvolti, tra cui Alfonso Signorini, ne sono al corrente, e collaborano con la direzione artistica per contribuire a questi cambiamenti”. A dispetto dei detrattori, nessuna aria di crisi quindi. E la conferma viene del resto dall’esame del trend della raccolta pubblicitaria: in un anno micidiale per il comparto, la concessionaria captive del gruppo guidato da Alberto Hazan (foto), 99 Pubblicità, ha registrato nel primo trimestre 2014 uno straordinario +11,7%, ancorché poi eroso dagli effetti dei terribili tre mesi successivi, permeati trasversalmente da una recrudescenza della crisi economica e dall’incertezza politica. Una riduzione comunque inferiore alla media settoriale, posto che ha permesso di segnare un +2,5% su un anno comunque positivo per Largo Donegani come quello scorso (fatturato complessivo 78,9 mln di euro, pari a +5,5% rispetto al 2012). E l’emittente regina, Radio 105, rimane comunque una vera e propria macchina per far soldi, come dimostrano i 584.000 euro di utile del 2013 (erano 34.000 nel 2012). Il piano di riduzione dei costi avviato da tempo ha inoltre dato benefici effetti sulle casse (l’ebitda è positivo) e, in sostanza, gli unici nodi da affrontare riguardano gli interessi passivi e le svalutazioni da partecipazioni che hanno inciso sul bilancio 2013 (ma che potrebbero essere agevolmente gestiti attraverso cessioni di asset non più core). Tanto che, da quanto par di capire dall'evoluzione delle cose, il socio RCS (44,45%) potrebbe non aver più così fretta di uscire di scena da un comparto che resta molto appetibile sul piano economico, oltreché assolutamente strategico per la multimedialità. (M.L. per NL)
25/08/2014 13:15
 
NOTIZIE CORRELATE
Il polo radiofonico del Biscione, RadioMediaset (che controlla le emittenti nazionali R101, Radio 105, Virgin Radio e GBR-Orbital), ha deciso di puntare soprattutto sulla rete principale, Radio 105, operando investimenti captive in promozione ed importanti travasi frequenziali.
Mediaset continua l'organizzazione del proprio polo radiofonico (Radio Mediaset), cui fanno riferimento a livello proprietario le radio di Finelco Radio 105 e Virgin (RMC è rimasta ad Alberto Hazan, che però ha affidato la gestione commerciale al Biscione), che si aggiungono alla già controllata R 101 ed al relay nazionale della portoghese Radio Orbital (ex Voice of America attraverso la società GBR spa).
La Federazione Nazionale della Stampa Italiana (FNSI) lancia un "allarme informazione a Radio 105, Virgin Radio e Radio Monte Carlo".
Pubblicati i dati del primo semestre 2016 di Radio Monitor by Eurisko, l'unica indagine d'ascolto ufficiale del sistema radiofonico italiano (in attesa dell'ingresso nelle rilevazioni della s.r.l. Tavolo editori radio, che dovrebbe sostituire Radio Monitor, anche se non è ancora del tutto chiara la dinamica).
"La tv non ha confini per questo abbiamo lavorato per creare un sistema unico: abbiamo costruito il primo polo radiofonico in Italia, mezzo vivo e complementare alla tv".