Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, Finelco: spunta la soluzione Hazan alla successione nelle quote di RCS

Possibile svolta "in casa" per la controversa successione nelle quote di RCS detenute in Finelco (44,45%), la holding milanese che controlla le emittenti nazionali Radio 105, RMC e Virgin Radio.
Dopo il disimpegno (più o meno per lo stesso motivo: l'impossibilità di acquisire a breve il controllo della società) dei vari interlocutori succedutisi nelle trattative con RCS (fondi Clessidra e Palladio, RDS, L'Espresso, gruppi radiofonici spagnoli e britannici), secondo indiscrezioni dell'ultima ora, grazie alla mediazione di Mario Miscali, 61 anni, docente universitario in materie giuridiche e professionista (Studio Carnelutti) vicino al settore finanziario (è autore di diversi saggi sulla finanza) e bancario (è presidente del collegio sindacale della Fondazione Cariplo ed ha fatto parte dell'Associazione Bancaria Italiana), nonché socio (ovviamente con una piccolissima quota) attraverso la famiglia della stessa Finelco, sarebbe stata definita una cordata di investitori interessati a rilevare le quote del socio uscente, pare per 60 mln di euro (una cifra su cui RCS non dovrebbe avere nulla da obiettare, stante la valutazione di 100 mln di euro dell'intero asset, come stimato - con criteri non condivisi da altri advisor - da PWC). Capofila del pool, sempre secondo i rumors, sarebbe un noto imprenditore del settore dei contenuti tv. L'ipotesi ha ovviamente l'assenso del socio di maggioranza di Finelco (di cui Miscali è stato anche presidente), Alberto Hazan, che rimarrebbe saldamente alla guida del suo gruppo con il pieno consenso dei successori di RCS. Ricordiamo che Finelco è il primo gruppo radiofonico italiano privato per fatturato (70 mln di euro) e il secondo in assoluto (dopo RAI). L'operazione in corso fa il paio con l'altro deal al centro dell'attenzione del mercato, quello relativo alla cessione di R 101 di Mondadori. (M.L. per NL)
01/07/2015 09:30
 
NOTIZIE CORRELATE
Il polo radiofonico del Biscione, RadioMediaset (che controlla le emittenti nazionali R101, Radio 105, Virgin Radio e GBR-Orbital), ha deciso di puntare soprattutto sulla rete principale, Radio 105, operando investimenti captive in promozione ed importanti travasi frequenziali.
Più di 100 mln di perdita in meno rispetto all’anno scorso e al contempo più di 100 mln in meno di debiti, nonostante i ricavi siano ancora in calo.
Primi risultati positivi derivanti dal cambio di gestione all’interno del gruppo editoriale RCS - Corriere della Sera, con una riduzione delle perdite del gruppo dovuta principalmente ai tagli sulle spese e al buon risultato del segmento sportivo, trainato dagli eventi del 2016.
Mediaset continua l'organizzazione del proprio polo radiofonico (Radio Mediaset), cui fanno riferimento a livello proprietario le radio di Finelco Radio 105 e Virgin (RMC è rimasta ad Alberto Hazan, che però ha affidato la gestione commerciale al Biscione), che si aggiungono alla già controllata R 101 ed al relay nazionale della portoghese Radio Orbital (ex Voice of America attraverso la società GBR spa).
Questa mattina Urbano Cairo ha annunciato il controllo di fatto su Rcs con il 48,8% del capitale sociale che potrebbe aumentare fino al 60%. Previsto nuovo cda e nuovi progetti sul piano editoriale.