Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio. Il Biscione illustra i progetti di Radiomediaset: successi d'ascolto e di fatturato ci spingono avanti

Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
L’incontro con i giornalisti è stato inaugurato da Marco Giordani, CFO del Gruppo Mediaset, che si è detto soddisfatto del ritorno economico dell’attività nel 2016, dopo gli investimenti effettuati nell’anno precedente: “Per il 2017 il budget passa dal segno meno al segno più, grazie alla creazione di prodotti editoriali competitivi sulla parte digitale. La previsione di risultato operativo è di 13 milioni di euro”. Ad illustrare i progressi del gruppo il Ceo di RadioMediaset Paolo Salvaderi, che ha focalizzato l’attenzione sugli incoraggianti indici Radiomonitor e sulla strategia delle emittenti, tutta incentrata sul consolidamento di un’attività che - come ha dichiarato il dirigente – è esplosa in tutta la sua potenza. Del resto, i dati presentati alla conferenza sembrano confermare la valutazione ottimistica: nel secondo semestre del 2016 il podio dei programmi più ascoltati è occupato totalmente da Radio 105, emittente ammiraglia del network, con “Tutto esaurito”, “Lo Zoo di 105” e “105 Friends”. Il record più importante per Salvaderi, però, è il raggiungimento da parte di Radio 105 della leadership assoluta degli ascolti nel quarto d’ora medio (AQH): il risultato è importante perché è l’indice di riferimento principale del mercato pubblicitario radiofonico e, inoltre, segna una crescita del +10% degli ascolti raccolti rispetto allo stesso semestre del 2015. Positivi anche i risultati di Virgin Radio e R101 che, sommati a quelli della radio ammiraglia e dell’emittente partner RMC (che nell’anno appena concluso ha espanso la propria rete con l’acquisto di 80 nuove frequenze e registrato il record personale AQH), rendono il nuovo polo radiofonico il “primo Gruppo radio nazionale con il 16% di ascoltatori nel quarto d’ora medio dalle ore 6 alle ore 24” come riporta il comunicato stampa ufficiale di RadioMediaset. Per il futuro, le parole chiave della strategia Radiomediaset per il 2017 sono consolidamento e crosspromotion. Sia Paolo Salvaderi che Pier Silvio Berlusconi, intervenuto nel question time a fine conferenza, si sono detti pienamente soddisfatti della “nuova attività vissuta come una splendida avventura” e sono decisi nel proseguire sulla strada intrapresa confermando i programmi solidi, per rimarcare il posizionamento sul target specifico di ogni radio. Da questo punto di vista R101 si dimostra la più dinamica del gruppo: affianca voci nuove a quelle storiche, il suo target sta inglobando una nuova fetta di pubblico femminile e, inoltre, è arrivata a porsi come scelta alternativa rispetto alle emittenti concorrenti focalizzate sulla musica italiana (nonostante la sua programmazione preveda solo un pezzo italiano ogni ora). Tuttavia “nessun colpo ad effetto, innesti solo se necessari”, chiosa il Ceo del network sull’argomento. A chi si chiede se RadioMediaset possa incrementare l’offerta di news e sport - , risponde icastico Pier Silvio Berlusconi: “Le radio non sono come TV generaliste. Sono mondi molto più verticali, con un pubblico specifico. Non si può mettere tutto ovunque”. Per quanto riguarda la cross promotion, tutte le radio sono supportate dal digitale, in particolare siti web e social network, in grado di coltivare il rapporto con il pubblico, trasformarlo in community – coinvolgendolo – nell’ottica di offrire una migliore user experience. Ogni radio, poi, cerca di andare oltre l’on air attraverso mezzi specifici: Virgin Radio segue da vicino festival e concerti delle star internazionali legati allo Style Rock e ha avviato una proficua collaborazione con il Gruppo Mondadori grazie alla quale svilupperà un prodotto editoriale allegato alla rivista Icon, mentre Radio 105 è radio ufficiale di programmi televisivi come l’Isola dei famosi e talent show come Top Dj e Amici. R101 è stata definita da Salvaderi come un “sistema”, perché è l’unica delle tre radio che, oltre alla programmazione, alla presenza digitale e alle partnership ufficiali con le case discografiche per i concerti dal vivo, completa l’offerta con il canale tv alla posizione 167 dell’LCN del digitale terrestre tv. Il profluvio di dati forniti durante la conferenza stampa ha posto la questione del loro rilevamento: ancora Salvaderi è intervenuto dicendo che le rilevazioni sono a tutt’oggi effettuate con interviste CATI e che RadioMediaset, come partecipante al Tavolo editori radio (Ter) tiene certamente in considerazione le nuove tecnologie e modalità di misurazione, riferendosi al rilevamento passivo, ma sottolinea che i problemi tecnici insorti nelle esperienze estere scoraggiano di fatto investimenti in questo senso. Nota conclusiva e – fuori tema - le domande dei giornalisti sulla questione Mediaset-Vivendi, rese inevitabili dalla sola presenza di Berlusconi, ma l’AD ha tagliato corto: “Se mi chiedete come sta andando l’affare con Vivendi, rispondo che non sta andando. Abbiamo ricevuto un danno enorme, per quale abbiamo chiesto oltre 1,5 miliardi di danno – mi sembra- assieme a Fininvest. La soluzione, se c’è, oramai è solo per vie legali” (V.D. per NL)
15/03/2017 18:51
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Non si placano gli animi dei giornalisti romani dipendenti di Mediaset, preoccupati per un ridimensionamento della sede del Tg5. Solo pochi giorni fa l’incontro tra i vertici del Biscione e i sindacati del settore sembrava aver fugato dubbi e timori circa un intervento sulla sede capitolina.