Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio. Linus motiva il gap di 2 mln di ascoltatori tra RTL e Deejay
 
Con il rientro inatteso di Platinette e quello annunciato di Fabio Volo si ricompone la squadra di Deejay, che all’inizio della scorsa stagione aveva perso due cavalli di razza.
Il primo amore non si scorda mai. Sarebbe questo il motivo del ritorno dei grandi pilastri che hanno fatto la storia di Radio Deejay. Dopo un anno di lontananza, la nostalgia per la “grande famiglia” diretta da Linus (e/o la consapevolezza di non aver trovato da altre parti quello che si aspettavano) ha spinto Fabio Volo e Platinette al ritorno all’ovile (lo scorso febbraio era molto vicina anche la rentrée di Gerry Scotti, ostacolata poi dal contratto Mediaset che non gli ha consentito il lavoro in radio). La pausa sarebbe servita a Volo per comprendere come la radio sia realmente una pietra angolare del suo sistema e, al contempo, ai vertici della principale emittente del gruppo L’Espresso per riconoscere in lui un asset di grande valore, a tal punto da operare stravolgimenti nel palinsesto (Federico Russo e Maria Passera, che avevano preso il suo posto nella fascia oraria tra le 9 e le 10 del mattino, sono stati dirottati in un punto poco strategico, dalle 20 alle 21.30). Anche Mauro Coruzzi (vero nome di Platinette), insoddisfatto dell’esperienza del programma Plati-Network sulle frequenze di Radio Montecarlo, ha accettato il ruolo proposto anzitempo dalla casa che gli aveva regalato successo e visibilità nel corso degli anni. Allargando l'orizzonte della discussione, il direttore dell’emittente milanese si dichiara positivo per l’avvio del 2014. Come lui stesso afferma in un'intervista pubblicata il 20/03/2014 sul quotidiano Italia Oggi: “I primi tre mesi sono ottimi sia per l’andamento della raccolta pubblicitaria, sia per gli ascolti. In particolare sono felice che non ci sia una correlazione così stretta tra l'audience e gli investimenti pubblicitari. Questo perché negli anni abbiamo affermato un brand come Deejay che va un po’ al di sopra delle periodiche rilevazioni degli ascolti”. La pesante differenza di 2 mln di ascoltatori nel giorno medio rispetto alla leader della classifica Eurisko Radio Monitor RTL 102.5 (Deejay conta 5 milioni, contro i 7 mln dell’emittente di Lorenzo Suraci), sarebbe, secondo il conduttore di Deejay chiama Italia, da ricondurre ad alcuni fattori: primo fra tutti la forte personalità dell’emittente di Via Massena, che piace molto, ma può essere respingente – diversamente da RTL che si mostra come una radio più ecumenica e accessibile a tutti -; poi la minore copertura sul territorio nazionale (RTL conta 850 impianti, rispetto ai 500 di Deejay); infine, il fatto che l'emittente di Cologno Monzese godrebbe di positive ingerenze (nei dati radio) determinate dalla formula della radiovisione (secondo Linus, un milione di ascolti proverrebbero dal piccolo schermo), a differenza della versione tv di Deejay che avrebbe un'identità così distinta dalla radio da impedirne un travaso d'ascolto. Spiegazioni, quelle del dj più famoso d'Italia, che, in verità, non paiono in grado di giustificare l'exploit così rilevante di RTL a fronte di un'evidente sofferenza editoriale della radio regina del gruppo L'Espresso. Se infatti è vero che il content provider tv del gruppo ha assunto uno stampo convenzionale di natura generalista, va detto che ciò ha avuto luogo soprattutto nell'ultimo periodo, in prossimità delle contestazioni a riguardo dell'utilizzo del logical channel number 9 da parte di un programma tematico. Non si comprende pertanto perché, secondo la prospettazione di Linus, fino a quel momento la sua radio non abbia goduto del propulsore che spingerebbe RTL in vetta. Poco convincente anche la spiegazione a riguardo del numero di impianti. E' vero che RTL vanta un numero maggiore di diffusori FM, ma essi contribuiscono meramente alla capilarizzazione sul territorio, quindi con un apporto demografico estremamente contenuto, mentre, nelle grandi aree (quelle che fanno i numeri, per capirci) la diffusione è equivalente. Piuttosto, se di mali tecnici bisogna parlare, Linus dovrebbe fare un po' di autocritica sulle strategie di pianificazione impiantistica, che hanno visto negli anni scelte discutibili da parte del management di Elemedia (a differenza di RTL, che ha attuato un'ottimale distribuzione delle risorse). Insomma, ok alle giustificazioni; ma a condizione che si vada obiettivamente fino in fondo all'autoanalisi. Magari con un onorevole mea culpa. (M.L. per NL)
25/03/2014 09:47
 
NOTIZIE CORRELATE
Mediaset ha già travolto il mercato radiofonico italiano: un settore che dà continui segni di stanchezza sia nell’approdo in nuove tecnologie che da un punto d’invecchiamento dell’utenza e assenza di un ricambio generazionale nella produzione. Tutte queste problematiche sembrano convergere su di una causa comune: il web.
Nonostante le amorevoli cure del gruppo Discovery Italia, il canale Nove (ex Deejay Tv) continua a subire notevoli perdite. Lo ammette lo stesso broadcaster americano.
Dopo la cessione del fondamentale LCN 9, L'Espresso molla il colpo anche sui canali 69 (Onda Italiana), 158 (m2o) e 162 (Capital Tv).
Nel primo semestre 2016 il risultato netto consolidato, incluse le attività dismesse, del Gruppo Espresso si è attestato a 12,1 milioni di euro dai 22,1 milioni del primo semestre 2015, i ricavi consolidati sono stati pari a 292,9 milioni di euro (-4,2% rispetto ai 305,7 dello stesso periodo 2015).
Con lo sbarco di Netflix in Italia, la corsa per lo streaming entra nel vivo: si diramano e differenziano le modalità di visione, si moltiplica esponenzialmente l’offerta, si evolve addirittura la narrazione di quel che viene proposto sullo schermo, sia il grande pannello di salotto o il display dell’ultimo modello di smartphone.