Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio locali, Lazio: Ecoradio in forse. 21 mln di contributi pubblici in 7 anni non sono bastati a fare una radio sostenibile
 
Che fine farà Ecoradio? E’ quello che stanno cercando di capire le Organizzazioni Sindacali dei giornalisti e dei tecnici-amministrativi alla luce di due incontri avuti con la dirigenza di Ecomedia Spa, editrice della testata radiofonica.
L’editore ha comunicato l’intento di “cessare l’attuale progetto editoriale” che occupa, dopo varie riduzioni di personale, 5 giornalisti (compreso l'editore che è anche il direttore della testata) e altri 4 lavoratori. Le organizzazioni sindacali hanno obiettato che alla luce dei conti non ancora chiusi del 2013 e soprattutto, in considerazione del fatto che ci troviamo di fronte a una testata che percepisce il finanziamento pubblico in base alle legge 250/90 come “organo di movimento politico”, si deve procedere con cautela. Bisogna cioè assicurare un ammortizzatore sociale ai lavoratori e verificare se vi sia la possibilità, se pur in forma ridotta, di prosecuzione del progetto editoriale. Ecomedia spa ha incassato dallo Stato 20.312.034,36 euro in 6 anni, dal 2006 al 2001 (fonte Dipartimento per l’editoria della Presidenza del Consiglio) e deve ancora ricevere la tranche del 2012 che andrà in liquidazione a fine anno (si potrebbe attestare oltre gli 800mila euro). "La somma arriva così a superare i 21milioni di euro in sette anni. Un bel gruzzolo per una radio che ha un bacino di trasmissione limitato a Roma, Napoli e Caserta, che applica le modeste cifre di stipendio previste dal contratto Aeranti-Corallo e che dovrebbe svolgere fondamentalmente un ruolo di servizio pubblico in base alla legge", fanno sapere in una nota congiunta Paolo Butturini, segretario Associazione Stampa Romana e Dino Oggiano, segretario Slc-Cgil del Lazio. "Ma non basta - prosegue il comunicato - la beffa potrebbe consistere nel fatto che Ecomedia spa riceva anche il finanziamento per il 2013, che verrebbe erogato a fine 2014, cioè mentre la radio diffonde musica registrata e i lavoratori sono rimasti per strada. E inoltre nulla è stato specificato dalla proprietà sui tempi e sui modi della liquidazione della società". A fronte della richiesta dei sindacati di proseguire il confronto alla ricerca di una soluzione meno traumatica per i lavoratori, magari ricorrendo a un contratto di solidarietà e comunque proseguendo il confronto nella competente sede regionale, Ecomedia "si è trincerata dietro un incomprensibile rifiuto (non nuova a posizioni intransigenti che in passato gli sono costate una condanna per “comportamento antisindacale”)", spiegamp ASR e Slc-Cgil, che comunque ribadiscono "la propria disponibilità a proseguire il confronto" e "dichiarano fin da ora che metteranno in atto tutte le azioni sindacali e legali possibili, per impedire che si faccia scempio dei diritti dei lavoratori". (M.L. per NL)
 
20/11/2013 14:25
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
E' tragicamente scomparso oggi a Mazara del Vallo (Tp) Giuseppe Romeo, tecnico delle tlc ed ex editore radiofonico siciliano. Romeo stava lavorando insieme al collega Vincenzo Miraglia, rimasto gravemente ferito, su un traliccio di telecomunicazioni, dove era imbragato, che è rovinosamente caduto dopo aver ceduto alla base per ragioni da verificare.
La stazione interregionale Radio Millennium, edita dalla milanese Elite srl, ha aquistato dall'emittente Radio Stella FM di Porlezza (Co), cinque impianti FM facenti servizio sulle province di Como, Lecco e sulla Svizzera Italiana.
Radio Juke Box Lombardia (edita da Cominvest s.r.l.) ha ceduto a One Dance (edita da Radio Lago Uno s.r.l., gruppo Number One) quattro impianti FM a 101,500 MHz nelle province di Como e Lecco.
Martedì 17 gennaio la Combo Media srl si è aggiudicata il ramo d’azienda “Roma Uno”, emittente televisiva della Capitale. Dopo circa un anno dalla dichiarazione di fallimento, “Roma Uno”, che per quasi tredici anni ha rappresentato un punto di riferimento dell'informazione locale, riprenderà le trasmissioni televisive sul canale 11 del telecomando.