Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio locali, Sicilia: sequestrati 9175 file musicali ad emittenti priva di licenza SIAE. Denunciato il titolare che rischia sanzioni fino a 11 mln di euro
I militari della Guardia di Finanza hanno posto sotto sequestro tre computer contenenti 9175 file musicali, relativi ad una playlist utlizzata da un’emittente radiofonica in provincia di Palermo, "illecitamente riprodotti e utilizzati per le trasmissioni".
I Finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia di Termini Imerese, insieme agli Ispettori della SIAE del capoluogo siciliano, hanno effettuato un controllo presso la sede di una radio nel circondario termitano per verificare il rispetto degli obblighi imposti dalla normativa che disciplina il sistema radiotelevisivo pubblico e privato e le disposizioni sulla protezione del diritto d’autore. Alla richiesta di esibire tutta la documentazione afferente le autorizzazioni previste dalla legge, il titolare avrebbe consegnato solo il decreto di concessione all’esercizio della radio diffusione a carattere commerciale in ambito locale rilasciato dal Ministero delle telecomunicazioni, ma non la licenza SIAE per la diffusione di opere musicali rientranti nel repertorio gestito dalla stessa società. Dagli ulteriori accertamenti eseguiti sarebbe altresì emerso che la radio non avrebbe provveduto al pagamento dei diritti d'autore e di quelli connessi, con conseguente ritenuta responsabilità del titolare "per diffusione abusiva di opere tutelate dal diritto d’autore, denunciato all’ Autorità Giudiziaria". Alla stazione saranno contestate anche le sanzioni pecuniarie amministrative previste dalla legge sulla tutela del diritto d’autore, che vanno da un minimo di 103 ad un massimo di 1.302 euro per ogni file musicale illecitamente duplicato o riprodotto (quindi per un ammontare da 945.025,00 euro a 11.945.850,00 euro). Le norme di legge, implementate anche dagli accordi sottoscritti tra la SIAE e le associazioni di categorie rappresentative del settore, prevedono che le emittenti, radiofoniche e televisive, utilizzando repertorio musicale protetto, sottoscrivano l’apposita licenza alla diffusione via etere rilasciata dalla Società degli autori e corrispondano, sulla base dei dati desunti dal conto consuntivo annuale, i compensi dovuti. "La sinergica e fattiva collaborazione della Guardia di Finanza con la Siae ha ancora una volta dimostrato che l’attività di contrasto alla pirateria audiovisiva realizzata sul territorio, oltre a bloccare le utilizzazioni abusive di brani musicali, mira a sensibilizzare gli operatori del settore riguardo al rispetto dei legittimi interessi dei creatori delle opere dell’ingegno", fa sapere SIAE in un comunicato sull'accaduto. Il fenomeno della pirateria musicale, evolutosi negli anni a seguito della diffusione di innovative apparecchiature informatiche e telematiche, secondo SIAEA, "necessita di un costante monitoraggio da parte degli organismi demandati alla vigilanza, in quanto il mancato assolvimento dei diritti d’autore crea rilevanti danni al mondo della creatività ed alla filiera imprenditoriale ad esso connesso, oltre a produrre distorsione alla libera concorrenza commerciale". (E.G. per NL)
 
21/01/2014 11:50
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Mercoledì 8 marzo, si è tenuto presso la sede di Confindustria Radio Televisioni (CRTV), un ulteriore incontro con una delegazione della SCF e i rappresentanti dell’Associazione Radio FRT e di Aeranti-Corallo, avente per oggetto il rinnovo della convenzione per i diritti connessi.
E' tragicamente scomparso oggi a Mazara del Vallo (Tp) Giuseppe Romeo, tecnico delle tlc ed ex editore radiofonico siciliano. Romeo stava lavorando insieme al collega Vincenzo Miraglia, rimasto gravemente ferito, su un traliccio di telecomunicazioni, dove era imbragato, che è rovinosamente caduto dopo aver ceduto alla base per ragioni da verificare.
L’Unione Europea, vuole estendere la tutela dei diritti connessi all’editoria digitale per tutelarne la situazione economica: una misura che rischia seriamente di trasformarsi in una clamorosa spallata sia all’accesso d’informazioni per l’utenza che ai piccoli editori.
Oltre all’aspetto primario di utilizzo musicale, ci sono altri aspetti che derivano dallo streaming e dall’utilizzo di tale servizio. Anzitutto la platea che si apre agli autori che si avvalgono anche dei servizi in streaming per la diffusione delle loro creazioni è quella degli internauti e quindi potenzialmente l’intero mondo di Internet.