Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio locali, Toscana: il 1° maggio chiude l'emittente cattolica Radio Antenna Uno (Prato)
Dal primo maggio Radio Antenna Toscana Uno di Prato, emittente cattolica collegata alla syndication della Cei InBlu, cesserà di trasmettere.
La notizia, che circolava da giorni, è stata ufficializzata ieri dal presidente della Pro Verbo Silvio Buccassi in un’intervista a Tv Prato. L’associazione Pro Verbo, proprietaria da oltre trent’anni dell’emittente pratese, ha deciso, per motivi economici, di mettere in vendita le due frequenze FM 92.600 e 99.400 MHz. La prima verrà ceduta entro la fine del mese di aprile, la seconda è già stata venduta a Radio Zeta, superstation del Nord Italia. Buccassi ha così commentato: "È una decisione davvero sofferta ma la nostra comunità si trova in un momento delicato da un punto di vista economico. Gli associati, in assemblea, hanno deciso di concentrare l’impegno e gli investimenti in alcune attività ritenute strategiche, come la Casa per ferie “Il Cenacolo” di Calambrone e il nuovo servizio di accoglienza che ospiteremo in via Roma con il trasferimento della Casa della giovane. L’assemblea dell’associazione, infatti, deliberò lo scorso 20 settembre la dismissione delle frequenze. Spiega ancora Buccassi, alla guida dell’associazione proprio con l’incarico di delineare nuovi percorsi economici e di impegno. Per me, per noi tutti, la chiusura di Antenna Toscana Uno è un passaggio doloroso, anche per la memoria di mons. Danilo Aiazzi, che tanto fece per questa presenza pionieristica nell’etere cattolico. Purtroppo era una strada obbligata". Il direttore della televisione Gianni Rossi, fino ad oggi direttore responsabile anche di Antenna Toscana Uno, ha replicato: "Dispiace proprio che non sia stato possibile trovare ipotesi alternative alla dismissione delle frequenze. Un patrimonio culturale e tecnologico se ne va e non potremo più recuperarlo. Mi piace ricordare in questo momento l’impegno di Giuseppina Gestri, che tante energie ha profuso per la radio e la comunicazione ecclesiale. In questi anni avevamo avviato alcuni percorsi di sinergia, coinvolgendo nuove risorse giovanili. Non vorremmo ora disperderle". (R.R. per NL)
 
18/04/2014 06:57
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
E' tragicamente scomparso oggi a Mazara del Vallo (Tp) Giuseppe Romeo, tecnico delle tlc ed ex editore radiofonico siciliano. Romeo stava lavorando insieme al collega Vincenzo Miraglia, rimasto gravemente ferito, su un traliccio di telecomunicazioni, dove era imbragato, che è rovinosamente caduto dopo aver ceduto alla base per ragioni da verificare.
La stazione interregionale Radio Millennium, edita dalla milanese Elite srl, ha aquistato dall'emittente Radio Stella FM di Porlezza (Co), cinque impianti FM facenti servizio sulle province di Como, Lecco e sulla Svizzera Italiana.
Radio Juke Box Lombardia (edita da Cominvest s.r.l.) ha ceduto a One Dance (edita da Radio Lago Uno s.r.l., gruppo Number One) quattro impianti FM a 101,500 MHz nelle province di Como e Lecco.
Nel viaggio tra le emittenti italiane assistite da Consultmedia (struttura di competenze a più livelli collegata a questo periodico), ci spostiamo questa volta in Piemonte, precisamente nella "Provincia granda", a Cuneo.