Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, Londra 2012: dal 28 luglio Radio 1 'ridiventa' ''Radio Olimpia''
Anche per questo lo spazio quotidiano dedicato alle dirette si chiama ''Radio Olimpia 2012''. Non sfuggira' ai piu' attenti e a coloro che hanno piu' memoria che questo era anche il titolo del programma radiofonico dedicato ai Giochi olimpici nel 1960.
Cosi' Radio1 ha voluto raccogliere la sfida di raccontare i Giochi di Londra pur sapendo di non poter contare sulle stesse risorse di uomini e di mezzi che in passato hanno rappresentato un punto di riferimento per gli ascoltatori. Un ritorno ai fasti del passato sia pure nelle ristrettezze obbligate del presente per essere ancora una volta servizio pubblico, servizio per i cittadini. Radio Olimpia 2012 coprira' l'evento in tre ampie fasce orarie, dal lunedi' al venerdi' dalle 10.00 alle 12.00, dalle 15.00 alle 18.00 e dalle 21.00 alle 24.00. Ma il palinsesto di Radio1 e' elastico, pronto ad aprire finestre per raccontare le imprese degli atleti italiani in qualunque momento della giornata. Alla fascia mattutina di due ore si aggiungeranno l'intero pomeriggio e l'intera serata, raccolte nei contenitori classici di Sabato Sport e Domenica Sport che inizieranno alle 14.00 e si concluderanno alle 24.00 senza trascurare gli altri eventi sportivi, dal calcio alla Formula 1 e al MotoGp. Ogni lunedi' andra' regolarmente in onda il settimanale di approfondimento in diretta aperto agli ascoltatori, Radio Anch'io Sport, che all'occorrenza si trasformera' in un altro spazio di racconto delle gare in programma nella giornata. Inoltre, ogni mattina e per tutta la durata dei Giochi, appuntamento con lo speciale ''Londra 2012'': in 20 minuti i reportage degli inviati su personaggi, storie e medaglie delle Olimpiadi. Come e' ormai consuetudine del Giornale Radio e di Radio1, alla redazione sportiva sara' aggregata un'inviata della redazione esteri per raccontare i tanti risvolti non legati solo allo sport. Ampia la copertura informativa anche in tutte le edizioni del Giornale Radio, mentre ''A Tutto campo'', in onda dopo il Gr1 delle 13.00, avra' una durata piu' ampia per consentire approfondimenti e dirette. L'organizzazione della spedizione si avvale di tre gli studi attivi: quello del Centro Internazionale di Comunicazione (IBC), quello realizzato presso Casa Italia e quello di Saxa Rubra. Saranno dieci le postazioni esterne dalle quali i radiocronisti racconteranno le gare. Verranno coinvolti ospiti del mondo della cultura, dello sport e dello spettacolo per vivere insieme i momenti piu' esaltanti. Sul portale internet di Radio 1, commenti, notizie e interviste aggiornate in tempo reale. Come per gli Europei, anche per le Olimpiadi, le musiche che accompagneranno le trasmissioni di Radio1 saranno originali e inedite, composte dai musicisti di Rai Trade. Italo Cucci e la medaglia olimpica del penthatlon moderno a Los Angeles 84 Daniele Masala daranno il loro contributo come opinionisti. (ASCA)
28/06/2012 08:54
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.