Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, Mondadori decide entro due settimane la cessione di R 101 a RTL 102.5

In un momento di eurofia per la radiofonia (+10,2% di crescita della raccolta ad aprile e +8,6% sul quadrimestre), si risveglia anche il m&a specifico.
Se per Finelco gli sviluppi sono rimandati a data da destinarsi dopo la rinuncia del Fondo d'investimenti Clessidra a rilevare le quote di minoranza detenute da RCS, entro le prossime due settimane Mondadori scioglierà la riserva sull'offerta di RTL 102,5 per l'acquisizione di R 101 ed asset annessi. Lo ha reso noto l'a.d. Ernesto Mauri, precisando che la formalizzazione dell'offerta per l'acquisizione dell'Area Libri di RCS (scadenza 29/06) sarà preceduta dalla risposta per la cessione di R 101 (il cui ricavato, stimato intorno ai 38 mln di euro, potrà finanziare in parte l'acquisto del segmento di RCS Media Group considerato appetibile per l'attività core di Mondadori). La Radio, ha dichiarato il manager, "è l'unica attività rimasta in perdita a Segrate e proprio per quello rappresenta una bella offerta". Secondo indiscrezioni, sui tavoli di Segrate vi sarebbe anche un'altra offerta per l'acquisto degli asset radiofonici (ricordiamo che dalla custodia giudiziaria del Tribunale era stata rilevata anche GBR spa, la società titolare del relay nazionale di programma estero ex Voice of America, di fatto una seconda concessione nazionale mai posta a regime da Mondadori). Sulla vicenda, l'editore di RTL 102.5, Lorenzo Suraci, aveva dichiarato ne giorni scorsi: "Siamo in crescita e abbiamo preso in considerazione la cosa. Il resto è tutto da vedersi, nella normale riservatezza. Il nostro obiettivo primario resta comunque preservare RTL 102,5 da qualunque cosa". Ignoto invece il progetto alle spalle dell'eventuale acquisto, anche se si ipotizza da più parti una radio di formato italiano. Ignota invece la destinazione del vettore GBR, che negli intenti post VOA avrebbe dovuto trasportare un prodotto molto vicino all'attuale formato di Virgin Radio (il marchio era già noto: Rock FM Europe), anche se pare improbabile la rottamazione di un marchio - R 101 - che comunque pesa circa 2 mln di ascolti. (M.L. per NL)
11/06/2015 12:25
 
NOTIZIE CORRELATE
Giglio Group (Aim Italia-Ticker GGTV), prima società di e-commerce 4.0, annuncia tre nuovi importanti accordi siglati a livello nazionale nell’ambito Broadcast &Telco, per il prossimo triennio.
Il polo radiofonico del Biscione, RadioMediaset (che controlla le emittenti nazionali R101, Radio 105, Virgin Radio e GBR-Orbital), ha deciso di puntare soprattutto sulla rete principale, Radio 105, operando investimenti captive in promozione ed importanti travasi frequenziali.
RTL 102.5 registra, nel 2016, una raccolta pubblicitaria pari a 54 milioni di euro, in leggera flessione sul 2015, ma a fronte di previsione più fosche (si stimava un -10% su un anno che era andato molto bene anche grazie alle Olimpiadi di Rio), il consuntivo è decisamente positivo.
Gira e gira, i player sono sempre quelli e quindi Radio Italia, abbandonata per imposizione dell'Antitrust, Mediamond, la concessionaria captive di Mediaset e conclusa senza un nulla di fatto la lunga trattativa con Discovery (si dice perché il gruppo americano volesse anche partecipare al capitale della radio), torna da Manzoni, polo L'Espresso, editore di Radio Dee Jay, Capital ed m2o (la raccolta della tv di Volanti sarà invece appannaggio di Viacom Advertising & Brand Solutions, la concessionaria di Viacom Italia).
Spezzatino di frequenze servito ieri pomeriggio: sul reticolo di frequenze di Up Radio sono comparse RTL 102,500 (per quanto riguarda la potente 101,900 MHz di Milano) e Radio Freccia (sulla rete a 95.000-95,100-95,200 MHz in varie province lombarde e piemontesi e sulla rete a 96,300 MHz in Piemonte).