Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio. Nasce Radio Zeta L'Italiana. By RTL 102,5

Sarà una radio nazionale (sulla base di una delle due concessioni sul mercato)? Saranno una o più superstation (nei limiti dei 15 mln di abitanti)? Sarà una syndication (coi pesanti vincoli del caso)? Sarà un franchising?
Qualunque sia la soluzione giuridico-amministrativa che sarà adottata, ci troviamo davanti una radio (o due?) che con ogni probabilità di qui a breve veleggerà intorno al milione di ascoltatori, ma con la vocazione di raggiungere, in un paio d'anni i due, collocandosi poi stabilmente intorno a 3 o 4 mln di utenti in diretta concorrenza con Radio Italia (target sul quale potrebbe anche sovrapporsi). Si chiamerà Radio Zeta L'Italiana ed erediterà, da una parte, l'asset impiantistico e il marchio della storica radio lombarda (ma con dimensione interregionale) di Angelo Zibetti (l'Angelotto, già patron anche di Discoradio nell'era pre RDS), che partecipava l'emittente al 50% con fratello Ernesto e, dall'altra, gran parte del reticolo frequenziale della stazione madre di Radio Lattemiele (al 39% di Franco Mignani, al 26% di Veronica Mignani, al 35% della Tecninvest srl, a sua volta detenuta da Franco e Veronica Mignani), altra esponente di spicco della musica italiana. Il tutto (per ora e a quanto sembra) sotto il cappello giuridico di “Radio Mobilificio di Cantù s.r.l.”, società orbitante nella galassia di RTL 102.5 (secondo il quotidiano Italia Oggi partecipata al 100% dalla Openspace Due Pubblicità s.r.l., società amministrata da Valter Zicolillo, direttore commerciale di RTL, a sua volta controllata integralmente da Openspace s.r.l., concessionaria captive della radio dei VNP) e vettore ai tempi del progetto Hit Channel (poi confluito, per un verso, nella radiovisione e per l'altro cannibalizzata per potenziare la rete principale). E proprio l'editore della più importante radio nazionale, Lorenzo Suraci, sarà il responsabile artistico del progetto che vedrà il via ufficiale il 01/01/2016 e che si colloca nella scia di RTL L'Italiana, denominazione (forse) tampone della radio in costruzione. (M.L. per NL)
16/10/2015 11:50
 
NOTIZIE CORRELATE
Giglio Group (Aim Italia-Ticker GGTV), prima società di e-commerce 4.0, annuncia tre nuovi importanti accordi siglati a livello nazionale nell’ambito Broadcast &Telco, per il prossimo triennio.
RTL 102.5 registra, nel 2016, una raccolta pubblicitaria pari a 54 milioni di euro, in leggera flessione sul 2015, ma a fronte di previsione più fosche (si stimava un -10% su un anno che era andato molto bene anche grazie alle Olimpiadi di Rio), il consuntivo è decisamente positivo.
Gira e gira, i player sono sempre quelli e quindi Radio Italia, abbandonata per imposizione dell'Antitrust, Mediamond, la concessionaria captive di Mediaset e conclusa senza un nulla di fatto la lunga trattativa con Discovery (si dice perché il gruppo americano volesse anche partecipare al capitale della radio), torna da Manzoni, polo L'Espresso, editore di Radio Dee Jay, Capital ed m2o (la raccolta della tv di Volanti sarà invece appannaggio di Viacom Advertising & Brand Solutions, la concessionaria di Viacom Italia).
Spezzatino di frequenze servito ieri pomeriggio: sul reticolo di frequenze di Up Radio sono comparse RTL 102,500 (per quanto riguarda la potente 101,900 MHz di Milano) e Radio Freccia (sulla rete a 95.000-95,100-95,200 MHz in varie province lombarde e piemontesi e sulla rete a 96,300 MHz in Piemonte).
Mursia e RTL 102,5 lanciano una nuova collana dedicata al mondo della radio. L’ambizioso progetto, nato dall’accordo tra Fiorenza Mursia e Lorenzo Suraci, ha l’obbiettivo di coniugare due mondi convergenti, quello editoriale e quello radiofonico.