Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio nazionali. Crisi di Radio Radicale. Ma solo d'ascolti....
 
C’erano una volta i Radicali. E c’era una volta Radio Radicale. Alcune delle battaglie più rivoluzionarie dell’Italia contemporanea sono passate da quest’emittente, così come alcuni degli esperimenti radiofonici più inusuali (vedi Radio parolaccia) o delle polemiche più infuocate circa il finanziamento pubblico ai mezzi d’informazione.
C’erano i discorsi fiume di Pannella, ai tempi in cui il guru perdeva il filo un po’ meno che oggi. E soprattutto c’erano gli ascoltatori, mentre oggi non ci sono più. Negli ultimi dieci anni, infatti, Radio Radicale ha perso circa il 40% del proprio pubblico, calando fino a una media di 288 mila contatti nel giorno medio. Ciò che non è in crisi, invece, sono i ricavi dell’attività, controllata dalla (società di capitali) Centro di produzione di pannelliana fondazione, e ancora organo di stampa della Lista Marco Pannella (giochetto che porta ancora 4,5 milioni di euro annui nelle casse via Piazza Argentina). Nel 2012, sono stati pari a 12,9 milioni. Nonostante le grosse somme ricevute, però, l’utile aziendale dell’anno passato è stato negativo per 225 mila euro. Colpa dell’aumento dell’IVA e della fine dei contributi sulle spese per l’energia elettrica e per i costi delle agenzie di stampa. Ancora una volta, però, grazie al rinnovo annuale del finanziamento pubblico per la trasmissione delle sedute parlamentari (8,4 milioni), l’emittente, nonostante l’emorragia di utenti (che segue quella dei Radicali, il cui declino oramai è sancito da tempo) riesce a restare in piedi. L’anno scorso la concessione è stata rinnovata per un solo anno, per cui a novembre il problema si ripresenterà. E probabilmente la riconoscenza per il ruolo svolto dalla radio quarant’anni fa, all’epoca in cui i lavori del parlamento erano blindati, commuoverà ancora una volta il ministero dello Sviluppo, concedendo ancora un altro anno alla radio e a noi l’emozione di continuare ad ascoltare i discorsi di Pannella. (G.C. per NL)
 
27/07/2013 08:01
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.
A riguardo dei gravissimi ritardi accumulati nell'erogazione dei contributi alle tv locali degli anni passati e sull'adozione del nuovo regolamento, Confindustria RTV ha fatto pervenire a Newslinet.it la lettera del Presidente dell’Associazione TV Locali Maurizio Giunco e delle OO.SS.LL SLC- CGIL, FISTEL –CISL, UILCOM/UIL al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che di seguito integralmente pubblichiamo.
La situazione di crisi dell’emittenza televisiva locale, già grave per l’aumento dei costi di gestione conseguenti alla “ingiusta e discutibile” revoca dei diritti d’uso delle frequenze che il MISE ha operato in tutta Italia e che ha raggiunto il suo apice sulle regioni della fascia adriatica, con in testa la Puglia (in cui ha revocato 12 frequenze su 18), ora è ulteriormente aggravata per il ritardo dei pagamenti dei contributi relativi al bando 2015 (e siamo già a marzo 2017) e per la mancata emanazione dei bandi relativi agli anni 2016 e 2017.