Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, negli USA il modello tradizionale via etere risulta inossidabile. Insignificante l'erosione di Pandora & C.
 
La Radio per come la conosciamo (cioè via etere e non interattiva), continua ad essere la fonte primaria di accesso alla musica per la quasi totalità degli americani, giovani generazioni comprese (oltre 90 % di penetrazione per tutti i residenti negli USA di almeno dodici anni di età).
Pandora, web radio e sistemi di fruizione in streaming e podcast in generale, in definitiva, non sono ancora riusciti ad insidiarle il primato e non riusciranno a farlo, presumibilmente, per un bel po'. Lo conferma uno studio condotto da Mediabase per conto del Wall Street Journal, da cui, oltre alla solidità del medium, emerge anche che le grandi emittenti programmano un numero molto più ridotto di brani musicali rispetto a quanto facevano dieci anni fa, moltiplicando a dismisura i "passaggi" in playlist dei pezzi più famosi e più richiesti dal pubblico. "Un minor numero di canzoni più conosciute spinge un maggior numero di persone ad ascoltare la radio più spesso, il che significa dati di audience più elevati e maggiori introiti pubblicitari", motiva il fenomeno Paul Resnikoff su Digital Music News. L'analisi di Mediabase indica, per le canzoni classificate nella Top 5 radiofonica, oltre 3 milioni di passaggi annui complessivi nel 2013 contro i meno di 2 milioni del 2003. (E.G. per NL)
18/02/2014 08:02
 
NOTIZIE CORRELATE
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Si è spento oggi, all’età di 78 anni, Leone Di Lernia, cantante e conduttore radiofonico, pugliese verace (originario di Trani) e di adozione milanese.
Dibattito acceso su una pagina Facebook dedicata agli operatori radiofonici dopo la pubblicazione di un sommario report dei dati d’ascolto delle web radio di RadioMediaset (polo radiofonico del Biscione cui fanno riferimento le emittenti nazionali Radio 105, Virgin e R 101) accessibili (fino a quel momento) su una sezione specifica del portale United Music, che gestisce il pool di web radio.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.