Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio numerica. L'FM digitale in Svizzera da settembre con 5 emittenti HD Radio
La radio digitale in FM è già fuori dalla nostra porta. E poiché il regolamento Agcom sulla radio numerica ne consente la sperimentazione anche in Italia, a breve potrebbero esserci clamorosi sviluppi.
Secondo Markus Ruoss, consulente elvetico e grande promotore dello standard HD Radio/IBOC di Ibiquity fuori dagli Stati Uniti, cinque emittenti commerciali elvetiche avrebbero chiesto al regolatore locale UFCOM, l'autorizzazione a trasmettere nella banda FM con tecnologia digitale HD Radio. Se la richiesta verrà accolta le trasmissioni potrebbero partire già il prossimo settembre e riguardare i programmi di Radio Argovia, Radio Basel, Capital FM, Radio 24 and Radio Sunshine (quest'ultima aveva già condotto prove di trasmissione HD Radio a Lucerna). La notizia è stata, naturalmente, bruciata da Radio Passioni, che osserva come essa non sia di poco conto "perché non dobbiamo mai dimenticare la natura geografica della Svizzera, posta al centro del continente europeo e occupata in gran parte dalle montagne. Per queste ragioni molte delle sue città importanti si trovano in zone di confine (la stessa Lugano è formalmente a poche centinaia di metri dal confine con la riva di Porlezza del Ceresio)". In particolare Basilea, "che addirittura ha un confine tripartito con Francia e Germania", osserva Andrea Lawendel, che ricorda come "In Europa lo spazio di "protezione" tra canali FM non è ampio come negli Stati Uniti e per quanto le frequenze possano essere poco occupate in Svizzera, in una città come Basilea si deve tener in conto anche lo spettro di due nazioni in più (provate a generare la lista dei trasmettitori FM dell'area di Base su FMScan.org , sono circa 180 stazioni con segnali superiori ai 35 dB)". E' in ogni caso una iniziativa da tener d'occhio perché "l'Italia rappresenta per molti versi una eccezione rispetto a nazioni dove la rigida regolamentazione dello spettro ha portato a mercati della radiofonia (in particolare sul piano delle licenze commerciali), sicuramente meno caotici e affollati rispetto al nostro. Se HD Radio dovesse imporsi all'attenzione del pubblico e dei regolatori europei come una tecnologia affidabile e aperta a una programmazione più ricca e articolata (grazie ai suoi canali digitali ausiliari), con una buona disponibilità di ricevitori e soprattutto la retrocompatibilità con le radio FM esistenti, l'esperimento svizzero potrebbe aprire la strada a una campagna di emulazione da parte di altri paesi".

Rotkreuz , 11 February 2010
Five commercial radio stations to begin digital broadcasting on the FM band in September

With DAB+ already in operation for regional-language and national broadcasting since October 2009, local/regional programmes will shortly begin airing HD Radio signals. Radio Argovia, Radio Basel, Capital FM, Radio 24 and Radio Sunshine are to start broadcasting with HD RadioTM technology this September. The necessary applications were submitted to Switzerland’s Federal Office of Communications in January, a move made possible through the amending of the corresponding decree by the Swiss Federal Council. Digitalising radio in this way for the first time enables programme providers to diversify their content. And that results in distinctive added value for listeners. Application lodged, first-phase preparations underway The initiating group behind the introduction of HD Radio technology (consisting of Radio Argovia, Radio Basel, Capital FM, Radio 24 and Radio Sunshine) jointly lodged its application for a “grant of the right to digital utilisation of existing allocated FM frequencies” with the Federal Office of Communications in late January. The applicants hope that one will be forthcoming soon. It is considered likely that the launch date for the first phase of the HD Radio rollout will be 1 September 2010. The first round of digitalisation will reach around 80% of the radio stations’ commercial listener potential, as the five broadcasters re-equip a total of eight transmitters for digital operation. RadioTrend AG and Ruoss AG will lead the technical project planning efforts on behalf of the Working Group. The Working Group will busy itself over the coming months with key marketing issues such as getting receiving equipment to listeners and additional programme offerings to bolster added value. HD RadioTM technology provides added value for listeners and broadcasters alike One benefit of HD Radio technology is the ability to migrate currently existing programming to the digital domain. Another benefit is that it provides commercial broadcasters a first-ever method of providing listeners in their reception area with additional programme streams from their land-based transmitters, plus extra services (data, traffic services, iTunes tagging, 5.1 surround sound, etc.). Over the medium to long term, this will greatly aid listener retention in local-regional reception areas. For the broadcasters, HD Radio technology represents a low-cost, incremental digitalisation technology that can be launched on a station-by-station basis.

11/02/2010 20:41
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.