Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio. Open Space (RTL) punta all'identità di Zeta L'Italiana. Ma al contempo promuove l'Open Spot radio-tv

A tenere banco in queste settimane sono le contromisure dei concorrenti, che si stanno alacramente muovendo nel tentativo di non finire stritolati da un colosso che controlla un terzo del mercato commerciale e quasi metà degli ascolti. Il competitor più attivo in questo momento è Open Space, la concessionaria captive della prima radio nazionale RTL 102,5, guidata da Virgilio Suraci, fratello dell'editore Lorenzo, che ha recentemente concluso l'acquisizione della storica superstation lombarda Razio Zeta, modificandone il logo con l'aggiunta de "L'Italiana" e ringiovanendone un poco il target con la soppressione (non indolore) di forti caratterizzazioni musicali (come il liscio). Attraverso la vendita rigorosamente non a pacchetto delle due emittenti, i Suraci puntano ad incrementare notevolmente i 57 milioni di euro del 2015 (+14% sul 2014) realizzati con la sola stazione di punta. Non è la prima volta che i Very Normal People tentano di bissare il successo di RTL: ci provarono nella seconda metà degli anni '90 con l'infruttuoso progetto delle grandi radio metropolitane (cd. RTL locali), poi mutato, dopo il vincolo normativo alla duplicazione del marchio principale, sul progetto Hit Channel, che però finì nel nulla dopo qualche riciclo editoriale. Ora però le condizioni potrebbero essere differenti per lanciare una nuova stazione di respiro nazionale, anche se si parte dal basso, posto che la superstation di partenza vale solo un milione di euro di raccolta nazionale (più o meno quanti gli ascoltatori che ha nel giorno medio). Ma Suraci è fiducioso in una rapida crescita: «Noi andiamo a proporre ai clienti un’identità di prodotto e non i numeri. E’ questo che dobbiamo far capire al merca­to. Inoltre, la vendita di Radio Zeta L’Italiana è del tutto indipendente da quella di RTL 102.5. Dalla nostra offerta commerciale, quindi, sono esclusi i pacchetti tra le due emit­tenti». Contemporaneamente, Open Space ha iniziato a proporre ai centri media la ra­diovisione con una politica com­merciale basata sul cd. “open spot”, un unico cluster pub­blicitario radio-tv all’ora posizionato al 58° minuto e della durata di due mi­nuti, dove è possibile pianificare solo quattro inserzioni mutuato dall'esperienza tv di Mediaset. Intanto sono attese le decisioni degli altri operatori nazionali che stanno studiando soluzioni idonee per far fronte all'imminente impatto di Mediamond, succeduta a 99 Pubblicità nella vendita degli spazi di Radio 105, RMC e Virgin dal 01/01/2016. (M.L. per NL)
25/01/2016 16:09
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.