Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio: parte la nuova campagna RAI contro le interferenze FM dei privati
 
Torna lo spettro del 2004/2005: la RAI si preparerebbe infatti a scatenare una nuova offensiva contro le emittenti private che interferirebbero le sue emissioni FM.
A quanto risulta a questo periodico, la concessionaria pubblicata, alleggeritasi degli impegni connessi al traumatico passaggio al DTT, si starebbe ora concentrando sui problemi di diffusione in modulazione di frequenza delle proprie radio. A motivare la decisione di attuare un rastrellamento interferenziale, tanto per cambiare, sarebbero i disastrosi esiti delle indagini d’ascolto, che condannano due delle tre principali radio pubbliche a livelli di emittenza nazionale minore, mentre Radiouno si colloca solo al 6° posto della classifica Radio Monitor di Eurisko. Per non parlare di Isoradio 103,3 e GR Parlamento, stazioni sulla cui ragione d’esistenza economico-editoriale ci sarebbe da porsi più d’una domanda. In realtà, che la ragione della catastrofica condizione delle emittenti RAI sia da ricondurre alle problematiche di sintonizzazione FM è un nesso di causalità tutto da dimostrare. Anzi, per la più parte degli osservatori, i problemi di ascolto RAI sono tutt’altro che quelli conseguenti a patologie diffusive, peraltro spesso figlie non già di rinnovate ingerenze interferenziali, quanto di layout impiantistici anacronistici, di una pianificazione dei punti d’irradiazione attuata negli anni ’50/60 (cioè in un etere completamente vergine e con un’urbanizzazione nemmeno lontanamente paragonabile all’attuale) e di una convivenza forzata quanto inevitabile. L’ennesima caccia all’untore interferenziale, attuata, tanto per cambiare, sulla base di parametri di determinazione dei rapporti di compatibilità (le regole UIT-R, applicabili solo in regime di pianificazione delle frequenze) incompatibili con la condizione di deregolamentazione della modulazione di frequenza italiana, lungi dal determinare il bramato recupero d’utenza, amplierà a dismisura il contenzioso giudiziario a carico dello Stato e catalizzerà gran parte delle già limitate risorse degli Ispettorati territoriali del Ministero dello Sviluppo Economico. Con l’effetto che le emittenti private, piegate dalla crisi economica e da una pressione burocratica che probabilmente non ha pari al mondo (non solo in Europa!), dovranno intraprendere un nuovo aspro e dispendioso confronto con l’Amministrazione pubblica. L’auspicio è che Federica Guidi, nuovo ministro allo Sviluppo Economico d’estrazione imprenditoriale, colga la necessità di un immediato intervento d’indirizzo tecnico-politico su una materia dal potenziale devastante per il comparto radiofonico privato prima dello scoppio dell’ennesima guerra dell’etere. (M.L. per NL)
 
26/02/2014 08:32
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.