Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, pubblicità nazionale. Secondo Agcm nel 2013, dopo il gruppo eterogeneo, RAI è primo player, seguita da Finelco
 
Qual è la distribuzione della raccolta pubblicitaria nazionale sul mezzo radiofonico? Il punto è da sempre controverso, posti i vari criteri di determinazione, che possono valutare il dato al netto o al lordo delle commissioni d'agenzia, considerare oppure no travasi economici e finanziari intersocietari a vario titolo, essere gonfiati o meno da quote, anche rilevanti, di cambi merci editoriali (pubblicità contro pubblicità) infra o extragruppo e così via.
Senza avere la presunzione di fornire un dato definitivo ed indiscutibile, una valutazione interessante è quella effettuata dall'Autorità garante per la concorrenza ed il mercato, che  ha considerato il mercato della raccolta pubblicitaria nazionale nel 2013 in occasione di valutazioni antritrust, ripartendolo sui player esistenti. Secondo l'Agcm, la quota più rilevante della raccolta della pubblicità radiofonica nazionale ha fatto capo ai circuiti e/o raggruppamenti eterogenei di radio locali e reti nazionali minori (con concessionarie no captive), integrati da singoli operatori non condificati nominalmente, che, insieme, totalizzano il 31%. Segue la concessionaria pubblica Rai, che, nel 2013, ha rastrellato il 24% del complesso, a debita distanza dal gruppo Finelco (Radio 105, RMC e Virgin), con il 12%. Dietro al gruppo di Alberto Hazan, si sono collocate RTL 102,5 (monoemittente) e il Gruppo Editoriale L'Espresso (Dee Jay, Capital e m2o), entrambi col 9%. Pari merito di quote anche per RDS (monoemittente, escluse locali del gruppo) e Mondadori (R 101, Kiss Kiss, Radio Italia e diverse superstation) col 6%, mentre il fanalino di coda è costituito da Il Sole 24 Ore (Radio 24, monoemittente), col 3%. A dimostrare la profonda diversità di distribuzione delle risorse pubblicitarie tra il comparto radio e quello tv, si consideri che, nello stesso periodo, Mediaset ha raccolto il 53% delle quote di mercato, Rai il 19%, Sky Italia il 7%, Cairo Communication il 4%, Discovery il 4% e "gli altri" il 13%. (M.L. per NL) 
20/03/2015 08:22
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.