Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio Radicale. GR Parlamento: stupisce che non ci si chieda perchè Stato dia mln euro l’anno per servizio già svolto da RAI a costo inferiore
"Ci sorprende leggere sul "Fatto" che, mentre da una parte si sostengono i referendum sull’acqua e i beni comuni, nella tua rubrica si metta in discussione e si svilisca il servizio pubblico offerto dalla Rai con Gr Parlamento, definendolo “una sfida risultata modesta, e perdente”, e ancora una iniziativa della Rai “costosa e partitica”.
Inizia così una nota del CdR di GR Parlamento, la rete RAI dedicata ai lavori di Camera e Senato in risposta ad un articolo pubblicato da Il Fatto Quotidiano cil contributo di Furio Colombo, al quale viene chiesto di "motivare un giudizio così pesante". "Intanto - spiega il CdR - ricordiamo all’ex parlamentare, Gr Parlamento fu istituito dalla Legge Mammì nel 1990, proprio perché fosse il servizio pubblico “e non una emittente privata come Radio Radicale, quella sì “partitica” per sua stessa definizione “a fornire la corretta e imparziale informazione sulla vita democratica del nostro Paese, prevedendo all’art. 24 “una rete radiofonica riservata esclusivamente a trasmissioni dedicate ai lavori parlamentari”.  Il confronto con Radio Radicale, che svolge in convenzione con lo Stato solo la trasmissione delle dirette parlamentari, "mentre in tutti gli altri spazi informativi marca il suo orientamento politico anche con la presenza preponderante degli esponenti della “Lista Pannella”, "ci pare dunque inopportuno e inadeguato". "Stupisce anzi che nessuno si chieda come mai lo Stato continui a prorogare la concessione a Radio Radicale, spendendo milioni di euro l’anno, quando la Rai con Gr Parlamento svolge lo stesso servizio a un costo notevolmente inferiore", puntualizza il comunicato. "Che poi una rete-testata giornalistica come Radio Radicale possa “funzionare giorno e notte con tre persone” come lui scrive, denuncia solo una pesante violazione dei diritti dei lavoratori, che meriterebbe sanzioni per l’editore. Chiediamo a lui come a tutti i colleghi di sostenere la battaglia della redazione di Gr Parlamento per un servizio pubblico di qualità, mentre come Cdr ci impegniamo a vigilare per il rispetto delle leggi e del contratto di servizio, affinché non venga mai meno la missione della nostra testata - per la quale, anzi, chiediamo da tempo maggiori risorse economiche e umane - e il suo ruolo eminente di servizio pubblico. Un servizio pubblico da difendere come “bene comune” dagli attacchi della partitocrazia, ma senza far uso di facili slogan populisti, perché la Rai, prima che essere dei partiti o dei padroni, come Colombo scrive, è dei lavoratori e dei cittadini che pagano il canone", conclude la nota del Cdr di Gr Parlamento. (E.G. per NL)
 
 
25/01/2012 10:16
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.