Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, RAI. Sindacati: scelta di sottrarre spazio a digitale radio su tv per potenziare HD, la dice lunga su considerazione mezzo

"Il rilancio di RADIORAI non può più attendere perché è un mezzo di diffusione che sostanzia e contribuisce a connotare la nostra azienda in quanto servizio pubblico".
E’ quello che il Segretario Generale del Libersind Conf.sal Giuseppe Sugamele ha sottolineato al Direttore Generale della RAI durante il breve incontro di martedì 15 u.s. L’episodio della cancellazione di alcuni canali di RADIORAI distribuiti sulle frequenze del digitale terrestre per recuperare banda trasmissiva necessaria alle trasmissioni televisive in HD, "la dice lunga sulla necessità della completa ristrutturazione tecnologica della Radiofonia RAI ad iniziare dalla rete di trasmissione ed al passaggio al DAB", spiega il Libersind. "Non possiamo nasconderci che l’attuale diffusione di RADIORAI soffra di notevolissimi problemi che ne minano alla base la corretta ricezione sul territorio, ne limita la quantità dei canali diffusi, ne limita la raccolta pubblicitaria, problemi risolvibili solo con una decisa azione di rilancio infrastrutturale con il passaggio al digitale radiofonico e alla qualità che ne consegue. Deve cadere una volta per tutte la “foglia di fico” in merito alla scarsa diffusione dei ricevitori DAB. Oggi i produttori propongono radio e autoradio DAB compatibili a costi irrisori e se in Italia tale servizio fosse avviato, in breve tempo ci sarebbe motivo per acquistare da parte dell’utenza i ricevitori adatti. O forse qualcuno vagheggia, per non dire caldeggia, di appoggiare in futuro la radiofonia della RAI su reti TLC di proprietà di altri operatori? Si intende questo per Media Company? Noi pensiamo che riguardo alla diffusione dei segnali radiotelevisivi, la RAI debba rimanere fedele al suo core business, cioè continuare ad essere la più grande azienda Broadcasting del Paese, una forza che esprime con il possesso di RAI WAY. Il Libersind Conf.sal ritiene che i lavoratori di RADIORAI, attraverso il sindacato, così come hanno iniziato a fare i colleghi giornalisti dell’Usigrai, si debbano mobilitare, farsi sentire e chiedere a gran voce che la radiofonia della RAI ritorni ad avere il ruolo che gli compete nell’azienda concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo del nostro Paese. Il Libersind Conf.sal considera il tema del rilancio infrastrutturale della radiofonia "un tema centrale da porre con decisione nei prossimi confronti con il Direttore Generale della RAI". (E.G. per NL)
21/09/2015 09:00
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.