Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio. RDS, incrementi pubblicitari a doppia cifra: + 10%

Nell’ultimo bilancio 2014 RDS chiude con un fatturato di 32,4 mln e un utile di 3,2 mln. Dati eccellenti di crescita per RDS (acronimo di Radio Dimensione Suono), una delle principali reti nazionali: la pubblicità cresce del 10% nei primi sette mesi del 2015, dopo aver chiuso in bellezza il 2014 con ricavi per 32,4 mln di euro e un utile di 3,2 mln.
E’ proprio il fondatore della radio, l’imprenditore Eduardo Montefusco (foto), a regnare sovrano: attraverso Dimensione Galassia (Società a responsabilità con un unico socio, proprio Montefusco) controlla il 100% del capitale di RDS: una monarchia assoluta che gli consente di non distribuire i dividendi (i 32 mln sono interamente destinati a riserva ordinaria, che per legge deve corrispondere almeno alla ventesima parte degli utili netti annuali della S.p.A., sino a raggiungere il quinto del capitale sociale) considerando che nei cinque esercizi precedenti ne aveva già erogati quasi 15 mln. Nel frattempo, si respira aria di cambiamento nel gruppo radiofonico: il noto imprenditore, che ormai trascorre la maggior parte del suo tempo a Miami, sembrerebbe intenzionato a trasferire pacchetti azionari ai familiari, tra cui il figlio Massimiliano, attualmente direttore marketing della compagnia. Quest’operazione consentirebbe all’editore senior di concentrarsi sul nuovo progetto firmato RDS: una casa discografica incentrata sul mercato latino-americano con sede proprio nella nota città balneare USA, pronta per il 2016. Dal lato italiano, RDS, in continua evoluzione, si era recentemente interessata all’acquisizione della partecipazione (44,45%) di RCS Media Group in gruppo Finelco (Radio Monte Carlo, Virgin Radio e Radio 105), dopo aver ottenuto una trattativa riservata; tuttavia, a seguito di un periodo di valutazioni, il gruppo ha deciso di non procedere sulla strada di un’eventuale acquisizione, posto che non vi era la garanzia del conseguimento del controllo integrale della holding milanese. Tornando alla radio romana, calati sensibilmente i debiti verso le banche (-37%), ed investiti 1,3 mln in nuove frequenze, Montefusco si ritiene soddisfatto del risultato perseguito: “RDS - afferma l’editore - ha saputo leggere le aspettative degli ascoltatori e degli investitori promuovendo iniziative crossmediali in grado di coinvolgere ogni target di riferimento. Quanto emerso conferma due elementi che i nostri ascoltatori percepiscono: la passione e l’entusiasmo di chi lavora in RDS ed anche che l’azienda riesce a governare il cambio generazionale che vede i miei tre figli sempre più protagonisti nelle scelte progettuali”. (S.F. per NL)
22/09/2015 10:34
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.