Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, Svizzera. Comunità italofone denunciano: lingua italiana discriminata nel Cantone dei Grigioni
La lingua italiana pare non essere di casa a Radio Grischa (di Südostschweiz Radio AG), l'unica emittente privata grigionese che diffonde in regioni italofone.
Lo sostiene il Mediatore per le radiotelevisioni private delle regioni di lingua italiana nel suo rapporto annuale per il 2013 pubblicato ieri. Il Mediatore - che è un organismo indipendente cui possono rivolgersi i soggetti ritenutisi lesi da contenuti radiotelevisivi in Svizzera nel tentativo di trovare una composizione preventiva - si è mosso su impulso indiretto (cioè senza un vero e proprio esposto) della Pro Grigioni Italiano (PGI), che preso atto del rapporto di Publicom AG, realizzato su incarico dell'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM), ha denunciato lo scarso spazio concesso alla lingua del nostro paese dall'emittente elvetica attiva nel più grande dei 26 cantoni della Svizzera, l'unico ufficialmente trilingue (tedesco, romancio e italiano). Secondo il documento del 31 maggio, "Radio Grischa nel 'prime time' dei giorni feriali non diffondeva praticamente alcun programma in lingua italiana (e romancia)". Secondo l'emittente, che ha prodotto una memoria il 9 gennaio, il giudizio di Publicom è eccessivo e risentirebbe di un vizio da campione ristretto, posto che la stazione diffonde "Caffè Todisco" nella prima domenica del mese tra le 19.00 e le 20.00 e "Doppio passo" le restanti domeniche allo stesso orario. Una programmazione, tuttavia, che è ritenuta insufficiente dalla PGI, anche perché le due trasmissioni avrebbero "carattere d'intrattenimento e poco informativo" (così si legge nel rapporto annuale). La Pro Grigioni Italiano afferma inoltre di non aver potuto prendere parte alla definizione dei programmi, come previsto dalla concessione del 31 ottobre 2008 e da quella provvisoria del 29 gennaio 2010. Per il resto, il Mediatore rileva l'assenza di reclami nel 2013, anche se probabilmente ciò è determinato dal fatto che la scorsa annualità non è stata elettorale, salvo per le elezioni comunali a Lugano. Per l'insieme della Confederazione i reclami hanno riguardato solo trasmissioni televisive della Svizzera tedesca e sono stati in tutto 35, indica l'Autorità indipendente di ricorso in materia radiotelevisiva (AIRR) in un comunicato. Tutti questi reclami sono stati evasi dall'organo di mediazione e non sono approdati sul tavolo dell'AIRR, l'autorità che vigila sull'attività degli organi di mediazione delle tre regioni linguistiche delle emittenti private radiotelevisive. (E.G. per NL)
04/03/2014 08:14
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
All'inizio del 2020 la RSI servirà il pubblico con un'offerta più ampia e lancerà un'offerta nuova, Web LA 2, che destinata a sostituire RSI LA 2, sarà disponibile su dispositivi mobili, online e sulla Smart TV interattiva (il successore digitale del teletext analogico.
Risolta l'annosa querelle delle interferenze tra il network provider nazionale Retecapri e l'Ufcom, l'Ufficio federale per le comunicazioni della Confederazione elvetica.
La Discovery Communications e la SSR (la concessionaria svizzera pubblica radio-tv) hanno stretto per i giochi olimpici un accordo pluriennale che garantirà ai telespettatori una copertura completa e offrirà loro la possibilità di seguire ogni istante delle olimpiadi invernali di PyeongChang 2018 e delle olimpiadi estive di Tokio 2020 su diverse piattaforme.
Il 18 luglio la Swisscom smantellerà l'antenna di Cima di Dentro ad Isone nel Canton Ticino (inattiva dal 2008 dopo lo spegnimento della trasmittente in onde medie), che per 37 anni aveva irradiato la programmazione italiana della RSI - Radio Monte Ceneri anche in gran parte del Nord Italia.