Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, Svizzera: futuro incerto per World Radio Switzerland
La radio anglofona World Radio Switzerland (WRS) è minacciata: la SSR che la finanzia sta considerando di separarsene, in quanto il servizio anglofono non avrebbe più posto nell'offerta di base della SSR.
La decisione spetterà al consiglio di amministrazione in giugno. La SSR è attualmente impegnata in una grande revisione della sua offerta radio, TV e internet. Per il servizio di WRS, "vi sono allo studio diversi scenari; in particolare è presa in considerazione la sua chiusura o la sua vendita a un acquirente privato", ha indicato Daniel Steiner, portavoce della SSR, confermando un'informazione di oggi della "Tribune de Genève". Lunedì scorso, il direttore generale della SSR, Roger de Weck, ha informato l'équipe di WRS. "Nulla è stabilito", assicura Steiner. La decisione dovrebbe essere probabilmente presa dal consiglio di amministrazione della SSR durante l'estate. Per Philippe Mottaz, direttore di WRS, la SSR prende la via sbagliata: WRS assicura un reale servizio pubblico alla "sfera anglofona" in Svizzera, che non si limita alla comunità di espatriati a Ginevra, puntualizza. Il direttore intende difendere la causa dell'emittente e salvare gli impieghi. "Una équipe professionale per la radio non si crea da un giorno all'atro; vi è un capitale umano da preservare", sottolinea Mottaz. La SSR da parte sua sostiene il fatto che intende concentrarsi sulle lingue nazionali. Un servizio anglofono non fa parte del suo servizio pubblico, ritiene la direzione dell'impresa per giustificare la decisione. La possibilità di uno statu quo sembra quindi esclusa. Il rilevamento della radio anglofona sarà problematica: una cessione o privatizzazione dovrà prendere in considerazione le condizioni di diffusione. Quattro operatori privati godono già di una frequenza nella regione di Ginevra, una quinta non farà che accentuare la concorrenza. World Radio Switzerland, che ha studi a Ginevra, Zurigo e Berna, funziona con una ventina di collaboratori e 3,1 milioni di franchi, ossia lo 0,20% del budget della SSR. Il finanziamento di WRS è iscritto nei conti della SSR fino al 2014. I suoi ascoltatori sono tra i 120'000 e 140'000. (Ticino Online)
05/04/2012 06:59
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
All'inizio del 2020 la RSI servirà il pubblico con un'offerta più ampia e lancerà un'offerta nuova, Web LA 2, che destinata a sostituire RSI LA 2, sarà disponibile su dispositivi mobili, online e sulla Smart TV interattiva (il successore digitale del teletext analogico.
Risolta l'annosa querelle delle interferenze tra il network provider nazionale Retecapri e l'Ufcom, l'Ufficio federale per le comunicazioni della Confederazione elvetica.
La Discovery Communications e la SSR (la concessionaria svizzera pubblica radio-tv) hanno stretto per i giochi olimpici un accordo pluriennale che garantirà ai telespettatori una copertura completa e offrirà loro la possibilità di seguire ogni istante delle olimpiadi invernali di PyeongChang 2018 e delle olimpiadi estive di Tokio 2020 su diverse piattaforme.
Il 18 luglio la Swisscom smantellerà l'antenna di Cima di Dentro ad Isone nel Canton Ticino (inattiva dal 2008 dopo lo spegnimento della trasmittente in onde medie), che per 37 anni aveva irradiato la programmazione italiana della RSI - Radio Monte Ceneri anche in gran parte del Nord Italia.