Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio. Trend medium confermato anche da RTL: raccolta 2015 a +15%. Il 2016 sarà anno Zeta

"Il settore radiofonico sta vivendo un momento molto positivo, grazie a un trend di crescita dei fatturati pubblicitari che supera il 10%. Per RTL 102.5 si prospetta una chiusura della raccolta 2015 a +15%".
Così Lorenzo Suraci, editore di RTL 102,5, prima radio italiana per ascolto, che coglie l'occasione per parlare del progetto "Radio Zeta L'Italiana". Il claim del nuovo prodotto è “Balla la vita”, sulla scorta dell'eredità dekla cellula del progetto, la superstation lombarda Radio Zeta, che ha consolidato il successo nei 40 anni di vita sulla musica da ballo ed è recentemente stata acquistata da Radio Mobilificio di Cantù (società controllata al 100% da Open Space 2) dai fratelli Zibetti che la fondarono nella seconda netà degli anni '70. "La musica è al centro del palinsesto" - spiega Suraci - Proporremo musica di tutti i generi, bilanciando le novità con i pezzi più datati, e manderemo in onda un pezzo internazionale ogni ora, con target la gente che si vuole divertire. E’ prevista anche l’informazione, con due brevi interventi di un minuto al punto ora e alla mezz’ora. Sto riscoprendo un certo modo di fare radio e mi sto divertendo molto». Il content provider del palinsesto di Radio Zeta L'Italiana è RTL 102.5, legata all'editore RMdC da un rapporto di cessione del format, soluzione elaborata anni fa e ormai ampiamente consolidatasi nel settore. Ovviamente la raccolta pubblicitaria del progetto a regime sarà curata da Open Space (fino a fine 2015 è in carico a PRS), la concessionaria captive del gruppo RTL 102,5, con un approccio da superstation (la stazione è diffusa quantomeno in Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna e Toscana). (M.L. per NL)
20/11/2015 09:11
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.