Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio-Tv. Applicazione D.Lgs.128/16 per la messa a disposizione sul mercato di apparecchiature radio

Attenzione: per visualizzare la notizia è necessario abbonarsi al S.I.T. di Consultmedia.

Per informazioni sulle modalità di abbonamento clicca qui.

09/08/2016 17:03
 
NOTIZIE CORRELATE
Mentre il settore dell’editoria deve cercare di galleggiare nel mare dei media dell’informazione (a causa della crisi il settore in sei anni è sceso sotto l’1,5% del Pil, sebbene nel 2015 e nel 2016 abbia conosciuto una piccola ripresa), il settore audiovisivo inizia invece la sua rivoluzione presentando buone percentuali di crescita.
Sono in corso in queste settimane delle verifiche a tappaeto degli impianti FM da parte di molti Ispettorati territoriali del Ministero dello Sviluppo Economico.
Come noto, a mente delle norme ITU-R, perché esista un’interferenza occorre che il segnale interferito abbia un c.e.m. utile, non potendo in caso contrario rivendicare protezione, atteso che il territorio esaminato non rientrerebbe nella “area di copertura”.
Attraverso apposito documento, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e la Guardia di Finanza, hanno stabilito aggiornare il precedente Protocollo d’intesa relativo ai rapporti di collaborazione tra gli enti del 15/07/2002.
Accordo su "procedura operativa unica di intervento dei tecnici degli Ispettorati Territoriali del Ministero delle Sviluppo Economico a seguito di segnalazione degli operatori di telefonia mobile su interferenze di stazioni radio base".