Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio tv, elettrosmog. Calabria: convalidato dal GIP il sequestro di tre impianti di Vibo Valentia

Convalidato dal GIP il sequestro disposto dal PM Claudia Colucci della Procura di Vibo Valentia su quattro ripetitori radiotelevisivi situati sulle alture della città.
Il provvedimento di sequestro preventivo, avvenuto nell'ambito dell'inchiesta per violazioni in materia ambientale, elettrosmog e di sicurezza del lavoro e condotto dalla PG ha avuto luogo verso due operatori nazionali televisivi e una rete locale, i cui legali rappresentanti sono stati destinatari di avvisi di garanzia. Le indagini della Procura indicherebbero la presenza di irregolarità su molteplici aspetti: sicurezza del lavoro, urbanistica (circa i titoli all'installazione) e inquinamento elettromagnetico (i rilievi dell'ARPA Calabria avrebbero evidenziato c.e.m. superiori al doppio del limite di legge). (E.G. per NL)
25/06/2016 16:23
 
NOTIZIE CORRELATE
La Calabria (113 emittenti radiofoniche locali, di cui 43 a carattere comunitario, come emerge dai dati del Corecom) è tra le regioni italiane che pagano di più la crisi dell'emittenza (allo stato circa 1100 emittenti censite).
Le frequenze di Radio Cosenza Centrale (Fm 100.0 MHz per Cosenza e la costa jonica, 100.4 MHz per Catanzaro, 94.0 MHz per la Valle del Crati e 104.3 MHz per la costa tirrenica), sono state cedute a Radio Freccia (gruppo RTL 102,5).
Anche Radio King International di Palmi (Reggio Calabria) molla il colpo. Fondata nel 1979, l'emittente ha cessato le trasmissioni cedendo i propri impianti (90,000 e 91,700 MHz) alla nazionale RMC. (R.R. per NL)

"Il mio sogno è sempre stato quello di girare in auto a Milano ascoltando la mia radio in FM. Oggi, finalmente, l'ho realizzato e mi considero soddisfatto".
"L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha accolto con soddisfazione la notizia dell'insediamento, lo scorso 27 giugno 2016, dopo un lungo periodo di vacatio, del Comitato per le Comunicazioni (Co.re.com) della Calabria".