Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio Tv, giornalisti. Lettera aperta a Ordine: siano denunciati alla Procura gli abusivi
 
"Cari presidenti, vi chiedo cortesemente di farci sapere cosa fanno l’Ordine dei giornalisti della Lombardia e l’Associazione lombarda dei giornalisti per tutelare sia la professionalità della categoria mortificata da disoccupazione e abusivismo selvaggio sia l'Inpgi".
Inizia così la lettera aperta di Francesco Bozzetti, giornalista tv (TG4), inviata al presidente dell'Ordine dei giornalisti della Lombardia e al presidente dell'Associazione lombarda dei giornalisti. "La legge professionale 69/1963 - continua Bozzetti - all’articolo 11 recita: “(Il Consiglio) vigila per la tutela del titolo di giornalista, in qualunque sede, anche giudiziaria, e svolge ogni attività diretta alla repressione dell'esercizio abusivo della professione”. Il rispetto di questa norma rientra amche nelle finalità del sindacato. Fatevi un giro nei canali radiotelevisivi, cari Presidenti, e verificate personalmente quanti “abusivi” esercitano indisturbati la professione senza che nessun Ordine o sindacato li persegua individuandoli e denunciandoli alle Procure e agli Ispettorati del Lavoro per esercizio abusivo della professione nell’interesse esclusivo di chi questa professione la esercita invece per mestiere, avendone titoli ed esperienza specifica come previsto dalle leggi. Eppure nella stagione 1989/2007 (gestione Abruzzo) l’Ordine di Milano ha dato dignità ad almeno 5mila cittadini “professionisti di fatto” con le iscrizioni e le retrodatazioni d’ufficio (linea successivamente avallata dalla Cassazione civile). Basta giocare qualche minuto con il telecomando per scoprire quanti conduttori di fortunate e seguitissime trasmissioni sportive o di cronaca a carattere squisitamente giornalistico esercitano in realtà di giorno il mestiere di barista o macellaio e alla sera “rubano” posto e scena ai tanti giornalisti disoccupati o ai free-lance di fatto espulsi dal mercato editoriale per mancanza di opportunità. Gli editori ci marciano senza che l’Ordine dei giornalisti della Lombardia, quello più prestigioso per numero di iscritti, senta l’obbligo ed il dovere di fare una severa indagine in proposito (allargata agli Uffici stampa) denunciando gli abusivi alla magistratura, l’unico potere dello Stato abilitato a reprimere i comportamenti illegali. L’Ordine dei giornalisti lombardo e l’associazione sindacale di categoria non conoscono o fingono di non sapere che ogni giorno una miriade di emittenti locali cittadine o regionali trasmettono qui in Lombardia programmi che dovrebbero essere condotti da giornalisti, con redazioni composte da giornalisti a norma non solo delle leggi che regolano la stampa, ma anche a norma della legge istitutiva dell’Ordine dei giornalisti. E così, nel silenzio dei vertici non solo sindacali ma anche istituzionali come appunto gli ordini professionali, accade che centinaia di “abusivi” conducono trasmissioni specificamente giornalistiche, con inchieste, interviste, dirette senza averne alcun titolo professionale. La legge sull’editoria prevede contributi e sgravi fiscali per tutte quelle emittenti che operano a norma di legge con direttori responsabili qualificati giornalisti professionisti o pubblicisti, con redazioni dirette e formate esclusivamente da giornalisti iscritti all’albo professionale. Ma nella realtà nessuno controlla. Gli editori di imprese televisive intascano regolarmente le provvidenze previste dalla legge sull’editoria ma anziché dotarsi di giornalisti per i loro programmi di politica o di cronaca, mandano in video improvvisati conduttori mal pagati o non pagati affatto e improvvisati facenti funzioni dei giornalisti sprovvisti del titolo professionale ma usati quotidianamente in qualità di inviati. Gentili presidenti, se non volete prendervi il fastidio di verificare personalmente (basta un telecomando e un buon videoregistratore) quanto vi scrivo, non c’è problema, in privato posso fornirvi un elenco dettagliato delle emittenti, con nomi e cognomi degli abusivi e degli editori che li sfruttano senza ritegno né per la categoria, né per il pubblico dei telespettatori". (E.G. per NL)
29/09/2014 08:04
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.
Approvata la nuova riforma pensionistica per l’Inpgi, ma non cessano le voci di protesta e i timori sul futuro dell’Istituto. La riforma, che ha ricevuto il placet di Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia, si è resa necessaria perché i conti in rosso dell’ente ne facevano presagire, nel giro di pochi anni, la chiusura o l’assorbimento nella cassa Inps.