Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio-Tv. Libersind: la concessionaria pubblica si prepara a smantellare Rai 4 e 5

"La Rai, con una decisione incomprensibile e autolesionista, si sta preparando a smantellare l'identità di Radio 4 e Radio 5. Incurante delle aspettative degli ascoltatori e di chi vi lavora con passione e capacità da anni".
Così un comunicato inviato a Newslinet.it dal sindacato Libersind, secondo il quale "Fonti ormai certe danno per imminente il cambiamento editoriale che la Rai prevede di attuare nei confronti di Radio 4. Nell’ottica di una non meglio precisata offerta radiofonica si prevede di dedicare Radio 4 alla trasmissione esclusiva di musica italiana. Scelta, a nostro avviso singolare; per lo più a fronte di dichiarazioni di ampliamento del numero di canali radiofonici permesso dalle nuove tecnologie e piattaforme. Per quale motivo si decide di “smantellare” una realtà così ben consolidata per trasformarla in altro, dal momento che uno dei nuovi canali potrebbe percorrere questa strada di musica solo italiana? La filosofia di Radio 4, si prefigge di soddisfare la vocazione principale della Rai: servizio, informazione ricerca. Radio 4 è musica di qualità a tutto campo ed ha un catalogo, in continua implementazione, unico nel suo genere per un canale radiofonico. Non esiste in questo momento nel panorama nazionale un’emittente paragonabile. Ora si vuole cancellare un lavoro attento ed appassionato durato circa sei anni ed annullare un ascolto consolidato: la popolare piattaforma di TuneIn indica in oltre 43000 il numero dei followers, senza calcolare i contatti del sito web e gli ascolti derivanti dai sistemi Dab+ e satellitare. C'è preoccupazione anche per il futuro assetto organizzativo, logistico ed editoriale di Radio 5 Classica, non ancora esplicitato dall'Azienda. Erede dello storico V Canale della Filodiffusione, Radio 5 Classica ha saputo affrontare con successo le sfide imposte dai mutamenti tecnologici degli ultimi anni e dai nuovi media, posizionandosi anche nel Web come uno dei siti più seguiti di RadioRai e contando sempre sul seguito di un fedele pubblico, competente ed appassionato, ampiamente soddisfatto delle scelte editoriali fin qui adottate. Preoccupano anche le voci relative alla ricerca di una figura apicale al di fuori di ogni procedura ordinaria (job posting). Il canale è attualmente curato da una collaudata squadra di programmisti interni con alcuni collaboratori esterni, perfettamente in grado di portarne avanti lo sviluppo e la promozione (soprattutto in ambito internazionale e verso il pubblico più giovane), quali che siano - purché note - le reali intenzioni dell'Azienda nei suoi confronti. Sembra proprio che si operi nei confronti di queste realtà senza una reale conoscenza delle stesse e, ancor peggio, senza una visione progettuale d’insieme ben definita su tutta RadioRai.  Non vogliamo tornare sul solito tasto del servizio pubblico (sembra purtroppo che interessi solo a noi e non all’azienda) ma evidenziamo con forza la mancanza di logica e di vantaggio nell’effettuare scelte del genere. Decisioni che, oltretutto, non tengono conto delle esigenze degli ascoltatori. Unico dato oggettivo sono i riscontri che Radio4 e Radio5 hanno tutti i giorni; siamo sicuri che questi cambiamenti siano la conseguenza di attente e approfondite ricerche di mercato per intercettare e comprendere tali gusti? Lo vorremmo tanto, ma conosciamo l’azienda da troppo tempo …. Per una volta l’azienda si confronti con i lavoratori interessati e i loro rappresentanti prima di avviare certi progetti. Potrebbe trarne spunti interessanti e convenienti". (E.G. per NL)
08/03/2017 16:34
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.