Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio. Ufficiale il passaggio di consegne da 99 Pubblicità a Mediamond per la vendita delle radio Finelco

Ufficializzato il passaggio di consegne per la vendita degli spazi pubblicitari sulle emittenti del gruppo Finelco (Radio 105, RMC e Virgin Radio) dalla storica 99 Pubblicità alla Mediamond, concessionaria partecipata al 50% da Mediaset e al 50% da Mondadori (a sua volta nell'orbita del Biscione).
L'accordo ha decorrenza dal 01/01/2016, come aveva lasciato presagire il disimpegno formalizzato all'area commerciale prima di Natale. L'iniziativa segue all'operazione conclusa nel settembre scorso attraverso la quale Mediaset strinse una partnership con la famiglia Hazan (socia di maggioranza di Finelco), dopo l'esercizio della prelazione da parte di quest'ultima nel processo di vendita del 44,5% del gruppo radiofonico che era detenuto da RCS (e che voleva da qualche anno procedere ad un disimpegno dal settore, in curiosa controtendenza col mercato). Nel dettaglio, Mediaset acquisì il 19% del vettore societario RB1, azionista con i soci fondatori del 92,8% di Finelco. Successivamente a tale operazione, la famiglia Hazan mantiene la maggioranza delle azioni con diritto di voto, mentre Mediaset ha acquisito azioni di RB1 senza diritto di voto pari al 50% del capitale sociale (con opzione per l'upgrade). La decisione di smantellare 99 Pubblicità ha colto un po' tutti di sorpresa, posto che, data l'elevata competenza maturata dalla struttura commerciale captive di Finelco (considerata nel comparto una delle più aggressive e perfomanti), appariva più logico che essa confluisse in Mediamond costituendo una task force specializzata sul medium radiofonico, atteso che, almeno fin qui, le perfomance del Biscione sull'emittente controllata R 101 (Monradio srl) non erano apparse entusiasmanti anche sul piano commerciale, oltre che editoriale. Conseguenze di questo avvicendamento sarà inevitabilmente un'intensificazione delle iniziative di contrasto concorrenziale di importanti player che si trovano a competere con un colosso che rappresenta ben oltre la metà del volume di ascolto radio ed una potenza di fuoco commerciale preoccupante (oltre alle radio di Finelco, Mediamond raccoglie per R101, Radio Italia, Kiss Kiss, Radio Subasio e Radionorba, per un valore stimato di oltre 80 mln di euro). Il business radiofonico del Biscione dovrebbe essere affidato a Paolo Salvaderi, a.d. Monradio e d.g. di Mediamond Radio, mentre è ignoto per ora il futuro della forza vendita di 99 Pubblicità, anche se è presumibile che s'indirizzerà verso una disgregazione con collocazione delle unità presso le strutture commerciali dei concorrenti piuttosto che verso la creazione di un nuovo polo di raccolta (di cui peraltro ci sarebbero tutti i presupposti di fattibilità). (M.L. per NL)
13/01/2016 08:20
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Cambierà il mercato pubblicitario radiofonico locale e superlocale secondo un processo per certi versi affine a quello che ha interessato il mercato discografico?