Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, USA: Howard Stern rimane incollato a Sirius XM. Nessun contratto milionario in vista con Apple
Avevamo spiegato che si trattava semplicemente di indiscrezioni. Oggi ne abbiamo la certezza: il popolarissimo disk jockey statunitense Howard Stern non firmerà alcun accordo milionario ed esclusivo con Apple.
I suoi contenuti saranno ancora trasmessi da Sirius XM, piattaforma satellitare che può vantare oltre 17milioni di abbonati. Stern verrà comunque ascoltato anche su iTunes per tutti coloro che scaricheranno l’applicazione dedicata e che utilizzano iPhone su rete telefonica, ma senza appunto alcun accordo con l’azienda della mela morsicata. Nel comunicato stampa ufficiale, Stern utilizza un gioco di parole sfruttando l’assonanza tra resign (rassegnare dimissioni) e re-sign (ri-firmare), così concludendo quell’improbabile diatriba che è corsa sulla rete da una parte all’altra dell’Oceano. Per il deejay, quella di essere ascoltati anche a mezzo internet rimane comunque un’importante opportunità che non può che integrare gli ascolti provenienti dalla tecnologia satellitare. La notizia ha inoltre dato modo di riflettere (in Italia, e non solo) alla possibilità di avere offerte pay per la radio satellitare anche nel Vecchio Continente. Ma lo scenario attuale sembra ancora troppo in ritardo per poter affrontare simili questioni. (M.M. per NL)
 
14/12/2010 16:11
 
NOTIZIE CORRELATE
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Si è spento oggi, all’età di 78 anni, Leone Di Lernia, cantante e conduttore radiofonico, pugliese verace (originario di Trani) e di adozione milanese.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Il 13/02/1946 l'ONU aprì la sua prima trasmissione radiofonica col messaggio: "Qui, sono le Nazioni Unite che parlano ai popoli di tutto il mondo".
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato l’elenco dei soggetti che hanno presentato domanda secondo l’Avviso pubblico del 04/08/2016 ed ammessi alla procedura di selezione comparativa per l’assegnazione delle frequenze asincrone.