Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, USA: Walt Disney cede asset radiofonici FM e AM. Target: puntare su webcasting e sat
 
La Walt Disney Co. ha in programma di vendere 23 stazioni radio FM e AM negli USA a fronte del passaggio di gran parte del contenuto di Radio Disney sul sat e sul web.
Radio Disney, lanciata il 18 novembre 1996 (in coincidenza con il compleanno di Topolino), ha in programma di licenziare circa 200 persone, rende noto il Los Angeles Times. Disney manterrà la sua storica stazione AM a Los Angeles (KDIS-AM 1110 KHz) che fungerà da produttore dei programmi da distribuire agli affiliati internazionali e sulla piattaforma web, in linea con la tendenza diffusa a domiciliare i prodotti tematici in digitale lasciando la diffusione analogica o comunque via etere a prodotti generalisti. "Radio Disney aumenterà i propri investimenti sul digitale per ottimizzare la crescita a lungo termine, riflettendo meglio le abitudini dei suoi ascoltatori, costituito da un pubblico nazionale di bambini e famiglie", ha riferito l’azienda in un comunicato. Posto che al momento non è stato identificato un acquirente per le stazioni, Disney sta progettando di vendere le stazioni nei principali mercati, tra cui New York, Chicago e Philadelphia. In tutto, la società intende disfarsi entro il 26/09/2014 di 22 stazioni AM e una stazione FM, lasciando invece inalterato il franchising oltreconfine. In una e-mail inviata la scorsa settimana al personale, il d.g. Phil Guerini ha spiegato che i cambiamenti comporteranno “l'eliminazione di alcune posizioni, rettifiche di altri ruoli e l'aggiunta di alcune nuove posizioni." "Abbiamo affrontato questa decisione con cura e rigore e forniremo sostegno transitorio a coloro che lasceranno l'organizzazione", ha detto. I partner di distribuzione digitale e satellitare Radio Disney includono Sirius/XM, Aha Radio e ShowMobile, mentre i contenuti radio sono già accessibili attraversoun’applicazione captive per i dispositivi Android e iOS. (E.G. per NL)
 
26/08/2014 08:38
 
NOTIZIE CORRELATE
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Netflix e Disney sono prossime al matrimonio: questo, almeno, è quanto sostengono insistenti voci del settore per ora non confermate, un matrimonio fra la più grande piattaforma di streaming al mondo e lo storico produttore di contenuti.
La notizia è rilevante non solo per l'entità economica dell'operazione, ma anche per il segnale che essa manda al settore delle tlc e dei content provider radio e tv.
Nella giornata di venerdì il web è andato in tilt a causa di un attacco informatico di alcuni hacker, per ora non identificati, partito da diversi dispositivi smart infettati e diretto ai server della Dyn, una delle più grosse compagnie americane che si occupa di gestire una grossa fetta dei DNS della rete statunitense.
Gli Stati Uniti voteranno oggi una proposta mirata a fornire agli operatori tlc delle nuove frequenze per lo sviluppo delle reti di quinta generazione; in Europa, invece, sembra interminabile il circo dei botta e risposta che continua solo a far perdere tempo.