Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI: Apuzzo (Slc Cgil): puntare a rilancio sedi regionali
Sembra continuare ad essere all’ordine del giorno l’idea del commissario alla spending review Cottarelli di tagliare alcune sedi regionali della Rai per risparmiare denaro.
Ci sembra dunque doveroso ribadire ancora una volta che la logica del risparmio non può basarsi su tagli indiscriminati, che denunciano la insufficiente conoscenza di cosa può essere considerato “superfluo” per la Rai.” Così dichiara Barbara Apuzzo, segretaria nazionale Slc Cgil. “Le sedi regionali - continua la Apuzzo - rappresentano una risorsa straordinaria e unica in grado di garantire, con la qualità propria del servizio pubblico, il pluralismo dell’informazione e non solo. Le potenzialità dell’essere permanentemente presente in tutte le regioni, potendo collegare in diretta contemporanea tutto il territorio nazionale vanno allora valorizzate, non brutalmente mutilate.” “E’ evidente che per far questo bisognerebbe immaginare di ridisegnare il modello attualmente in vigore, pensando ad esempio ad un collegamento delle 24 sedi regionali in un’unica rete digitale, in grado di trasmettere le notizie direttamente dal territorio, per essere lì, in diretta, da ogni luogo dove c’è un fatto da poter raccontare e far vedere", prosegue la sindacalista. "Si tratterebbe di utilizzare, in modo diverso e più intenso, il tempo di quello stesso inviato che, adesso, nel suo turno di lavoro, viaggia, filma, intervista, rientra in sede, monta e infine edita il suo 1’30’’ di TGR.” Secondo l'esponente dalla Slc Cgil, sarebbe "Un vero e proprio “mosaico” di esterne, talvolta omogenee e dialoganti, in un quadro di particolarità nazionali che, di giorno in giorno, fotografano l’Italia reale, quella più vicina alla popolazione. Ecco, questo è un esempio di quali scelte si possono fare per ottimizzare il grande patrimonio Rai senza gravare ulteriormente e inutilmente sui lavoratori, con una visione d’insieme che guarda al futuro del servizio pubblico in Italia – conclude Apuzzo. Crediamo fortemente di non dover essere gli unici ad avere l’ambizione di possedere un servizio pubblico competitivo con quelli degli altri Paesi europei. Ci piacerebbe che il Governo, a partire dal commissario alla spending review Cottarelli, si unisse a noi”, conclude Barbara Apuzzo. (E.G. per NL)
 
20/03/2014 07:51
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.