Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI. Cdr TG1 a Il Fatto: no a processi sommari ai colleghi. Romita si dissocia nella serata di ieri dalla nota
«Fermo restando il diritto di critica che anche il Cdr continuerà ad esercitare e forti delle denunce effettuate non possiamo assolutamente accettare processi sommari a singoli colleghi e liste di proscrizione corredate di foto segnaletiche che ricordano tempi cupi. Non è così che si risolvono i problemi della nostra testata».
Il comitato di redazione del Tg1 ha risposto così, in una nota, ad un articolo comparso ieri sul Fatto Quotidiano, dal titolo «La carica dei Minzoboys giornalisti allineati e in carriera». Una nota dalla quale in serata ha preso le distanze uno dei componenti del Cdr, Attilio Romita. «Il comitato di redazione - spiega ancora la nota - da sempre denuncia la linea del direttore Minzolini, più politica che editoriale, che spesso ignora le notizie e schiera il giornale a favore di una parte politica, venendo meno così ai doveri del rispetto del pluralismo, della correttezza dell'informazione e del servizio pubblico e che ha fatto perdere credibilità a ascolti al nostro telegiornale». Ma, sull'articolo del Fatto il Cdr dice: «Non è così che si risolvono i problemi della nostra testata. Il Tg1 ha una grande storia che il Cdr ha il dovere di tutelare anche da operazioni confuse e superficiali che sembrano dettate da altri interessi e che di certo non contribuiranno alla nostra rinascita nel dopo Minzolini. Oltretutto l'autore del pezzo sembra dimenticare le responsabilità della catena di comando del Tg1 e quelle dei vertici aziendali a cui a più riprese abbiamo chiesto di intervenire per rilanciare la testata. Continueremo a respingere al mittente le offese personali e i giudizi sommari sui colleghi così come doverosamente continueremo a chiedere al direttore una linea editoriale degna del Tg1». Uno dei componenti del Comitato di redazione, Attilio Romita, si dissocia in serata dalla nota dei colleghi: «Il comunicato del Cdr sui colleghi fatti oggetto di giudizi pesanti da parte di Paolo Ojetti sul Fatto quotidiano quotidiano di oggi è, per quanto mi riguarda, condivisibile soltanto nella parte in cui si tenta timidamente di ottemperare al dovere di tutela delle loro professionalità. Tutto il resto non è da me condiviso. Pertanto il comunicato del Cdr va considerato firmato solo da Simona Sala e Alessio Rocchi». (ANSA)
03/11/2011 13:39
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.