Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI: Garimberti, non guardo la tv ma ascolto la radio per avere notizie. Tema radio in CdA
''Magari faro' inorgoglire il direttore del Giornale Radio Rai, Antonio Preziosi, ma quando voglio sapere cosa e' successo nel mondo o in Italia, preferisco ascoltare la radio che guardare la televisione''.
Lo ha detto Paolo Garimberti, presidente della Rai, ai microfoni della trasmissione di Rai Radio1 ''Start''. Garimberti si trova oggi a Torino, dove e' in corso il Prix Italia, per partecipare a un convegno dedicato al futuro della radiotelevisione. Garimberti ha elogiato la flessibilita' della radio, un mezzo capace di sfruttare al massimo le tecnologie disponibili. ''Anche durante la seconda guerra mondiale la radio era in grado di creare un filo diretto tra le maggiori citta' del mondo''. E per quanto riguarda il futuro, secondo Garimberti, la Rai deve guardare avanti. ''La radio resta un grandissimo mezzo, la sua grande flessibilta', la velocita', non presenta le difficolta' del video. Anche le rivolte arabe si sono nutrite molto con la radio. Ecco, penso che se c'e' un mezzo che e' in grado di inseguire con grande velocita' e forza le novita' tecnologiche del futuro, quello e' la radio''. Il presidente di Viale Mazzini ha rivendicato ''di aver portato il tema del potenziamento della radio in Consiglio di Amministrazione'', dando impulso a un comitato istruttorio interamente dedicato al ruolo della radio. (ASCA)
21/09/2011 21:21
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.