Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI, Gasparri soccorre Mauro Mazza rimosso da direttore di Rai Sport: vittima di evidente mobbing
«Continuano epurazioni immotivate in Rai. Il direttore generale ha annunciato la rimozione del direttore di Rai Sport Mauro Mazza.
Una decisione che ignora la realtà e alimenterà contenziosi costosi e perdenti per la Rai e chi condividesse questa scelta. Rai Sport, nonostante l'agguerrita concorrenza satellitare e le deludenti prestazioni della nostra Nazionale, ha appena registrato ascolti record per i mondiali di calcio». Lo dichiara il senatore di FI Maurizio Gasparri, vice presidente dell'Aula di Palazzo Madama. «Ciò nonostante la drastica riduzione di risorse decisa dal vertice aziendale alla vigilia dell'evento. Per quanto riguarda Rai sport 1 i dati dicono che ha ottenuto ascolti 5 volte superiori ai mondiali 2010», aggiunge Gasparri: «Con atletica e nuoto durante l'estate questo canale ha superato in alcune fasi gli ascolti di Rai 1 e Canale 5. Sono stati introdotti nuovi linguaggi e nuove formule seguendo le indicazioni aziendali. La nomina di Mazza fu decisa anche all'esito di un contenzioso legale causato da un'altra ingiusta e immotivata rimozione subita da Mazza, vittima di un evidente mobbing. Certamente la Rai dovrà affrontare nuovi contenziosi per una decisione che appare priva di motivazioni, intrisa di volontà politica, segno di un pregiudizio personale evidente. Per qualcuno in Rai é un errore rifarsi i denti. Per altri è urgente dotarsi di un cervello. Su questo nuovo abuso ho presentato una interrogazione in vigilanza Rai», conclude l'ex ministro delle Comunicazioni. (AGI)
 
02/09/2014 18:18
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.