Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI, Gubitosi (d.g.): segnale DTT e copertura Isoradio sono priorità. Mea culpa: non abbiamo investito abbastanza in FM
"Per migliorare il segnale del digitale terrestre abbiamo firmato a luglio un accordo con il Ministero per lo Sviluppo economico e con l'Agcom". Lo ha detto Luigi Gubitosi, direttore generale della Rai, al videoforum di Repubblica Tv, puntando il dito, tra l'altro, contro i problemi a suo dire causati da interferenze delle emittenti locali (significativa a riguardo sarebbe stato "l'incredibile oscuramento causato da un'emittente privata durante lo show di Benigni").
"Per un problema di antenne è a disposizione dell'utente un call center che interviene con l'assistenza tecnica", ha aggiunto Gubitosi, preannunciando, tra l'altro, un "Nuovo accordo anche con autostrade per aumentare Isoradio". Il d.g. RAI, raccogliendo le critiche sul servizio della rete di informazione autostradale pubblica sui 103,3 MHz, incredibilmente definicitaria - al punto che il suo ruolo è negli ultimi anni stato progressivamente assunto da RTL 102,5 che, al contrario, garantisce una copertura capillare su tutte le arterie stradali - ha anticipato che saranno programmati investimenti tecnologici. Gubitosi ha ammesso, inoltre, che, a differenza della concorrenza che ha cavalcato lo sviluppo del medium, RAI, nel passato, non ha investito come sarebbe stato necessario nello sviluppo delle reti FM, erose nel tempo dalla presenza delle emittenti private. L'intervista integrale è disponibile qui. (E.G. per NL)
 
08/09/2013 07:06
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha prorogato oggi di 7 giorni il termine per la presentazione delle istanze di partecipazione alla procedura di selezione comparativa per l’assegnazione di 86 frequenze asincrone in onde medie, originariamente collocato al 15/03/2017.