Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI. Lo straordinario impegno del servizio pubblico per il terremoto in Abruzzo
Nove ore di diretta, con tutte le informazioni e collegamenti con i centri colpiti dal terremoto, sono state realizzate dalla redazione dell’Abruzzo della TGR. Il filo diretto dell'informazione Rai sul terremoto in Abruzzo, iniziato nella notte subito dopo il sisma con RaiNews24, in onda in chiaro su Raitre fino alle 7.30 - quando la linea e' passata a “Tgr Buongiorno Regione” - e' proseguito per l'intera giornata  nelle diverse edizioni dei Telegiornali (piu' lunghe del consuete), nelle edizioni straordinarie che hanno attraversato il palinsesto, nei  giornali radio e in tutti i programmi in diretta delle tre reti Rai.  Il Tg1 ha assicurato una massiccia copertura direttamente dai luoghi del sisma con la presenza di 6 inviati e del vice direttore Sassoli giunti sul posto immediatamente e collegati dall'Abruzzo già dalla prima edizione del Tg1 delle 6.30. Sei le edizioni mattutine del Tg1, oltre a tutti gli spazi informativi all'interno di Unomattina. Poi, alle 11.00 e per oltre un'ora Straordinaria del Tg1. Dopo la consueta edizione delle 13.30, quasi interamente sul terremoto, il Tg della rete ammiraglia ha dedicato all'evento una nuova Straordinaria, condotta da Tiziana Ferrario dalle 15.00 alle 16.10. Nuovi collegamenti dall'Abruzzo nel Tg delle 17.00, in quello delle 20.00 e nell'edizione della notte. Dalle 20.30 uno speciale Porta a Porta, condotto da Bruno Vespa, realizzato in collaborazione con il Tg1.  Per il Giornale Radio, oltre ai servizi forniti dalla redazione della TGR, sono state inviate 3 auto attrezzate con tecnici e giornalisti per tutte le edizioni dei GR e per gli speciali. La programmazione radiofonica ha completamente stravolto il palinsesto mandando in onda le prime informazioni sul sisma abruzzese già dalle 4 del mattino sulle frequenze di Radio1. Dopo il Gr1 delle 6, il programma “Istruzioni per l’uso”, ha allargato il proprio spazio con una puntata monografica sul terremoto. Scelta analoga per il programma “La borsa e la vita”. Filo diretto a partire dalle 8 con il Gr fino all’intervento del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi giunto sul posto. Poi sino a mezzanotte sono previste quasi esclusivamente dirette dai luoghi terremotati, anche con la trasmissione “Zapping”. Dpo il Gr della mezzanotte, “la notte di Radio1” raccogliera' le storie della giornata e raccontera' la prima nottata dopo il sisma. www.televideo.rai.it è quasi interamente dedicato agli aggiornamenti sul sisma.  andra’ in onda in chiaro su Raitre fino alle 7.30, quando la linea verra’ data alle edizioni di TgR Buongiorno Regione.
06/04/2009 18:48
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.