Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI: nei titoli di coda i compensi di conduttori e giornalisti. Scatta l’operazione trasparenza
In nome della trasparenza che deve essere garantita agli abbonati, è stato approvato in Commissione di Vigilanza Rai un emendamento che prevede che siano resi noti, nei titoli di coda delle trasmissioni, i compensi di giornalisti e conduttori del servizio pubblico ed i costi di produzione dei programmi.
In particolare, l’emendamento della Commissione di Vigilanza, che sta per approvare il parere, obbligatorio ma non vincolante, sul contratto di servizio tra Rai e Governo, prevede che vengano diffusi, alla fine dei programmi, gli stipendi dei giornalisti e conduttori, i costi di produzione dei format di servizio pubblico (non solo quelli di intrattenimento, ma anche quelle di approfondimento, ivi compresi i tg), ed inoltre i compensi dei conduttori di trasmissioni non di servizio pubblico e quelli di ospiti e opinionisti. L’emendamento, presentato da Alessio Butti, capogruppo del Pdl ed approvato, con alcune modifiche, all’unanimità da maggioranza ed opposizione, è stato accolto con “grandissima soddisfazione” dal ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta, secondo il quale "con il voto di oggi si sono garantite le necessarie premesse per quella grande operazione trasparenza sulla Rai che avevo più volte sollecitato”. E di apertura della “stagione della trasparenza” ha parlato Giorgio Merlo del Pd che, a riguardo, ha definito l’emendamento un atto “di coerenza nei confronti dei cittadini che pagano regolarmente il canone. Il voto unanime della commissione di Vigilanza su questo punto - ha continuato Merlo - è la conferma che, senza alcun spirito moralistico e men che meno pruriginoso, è venuto il momento che i cittadini conoscano e giudichino i vari stipendi e compensi nella Rai. Capisco l’irritazione, forse, di qualche star nel vedersi pubblicizzare i compensi milionari, ma la stagione delle prediche dal piccolo schermo accompagnate dal silenzio sui compensi è definitivamente chiusa (…)”. A parere di Marco Beltrandi, deputato radicale e componente della Commissione di Vigilanza, sarebbe stato preferibile che le informazioni sui costi dei programmi Rai fossero rese disponibili “sul portale Rai alle persone realmente interessate, piuttosto che nei titoli di coda delle trasmissioni stesse, introducendo però il bollino che contrassegnasse le trasmissioni di servizio pubblico da quelle finanziate dalla pubblicità”. (Dichiarazioni tratte da repubblica.it e rainews24.rai.it) (Daniela Asero per NL)
09/06/2010 16:38
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.