Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Rai. Ordine dei giornalisti: illegittimo l’esproprio di 150 mln
"Una nuova normativa improvvisata non può mandare in crisi un'azienda che ha fatto la storia della Repubblica ed è patrimonio della collettività. La riforma della Rai non può esser fatta con un esproprio di 150 milioni, che oltre ad essere illegittimo comporta conseguenze irrazionali e imprevedibili sul servizio pubblico radiotelevisivo".
È quanto si legge in un documento approvato all'unanimità dal Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti. "I cambiamenti veri, necessari e non più rinviabili si fanno approfondendo le problematiche, non con gli slogan sugli sprechi, che tutti vogliamo impedire, non con i provvedimenti estemporanei - prosegue il documento -. Ci sono sul tavolo nodi fondamentali che se sciolti possono produrre anche più della cifra che il decreto 66 sottrae alla Rai. Occorre però urgentemente valutare ricette diverse che in queste ore vengono proposte. I primi costi che possono essere risparmiati sono anche qui quelli della politica, intervenendo sulla legge che disciplina la governance. Alti per le casse di viale Mazzini e della Stato sono anche quelli dell'evasione del canone. La Rai,infine, è tenuta oggi col codice degli appalti a far fronte a enormi costi burocratici, propri delle pubbliche amministrazioni, ma pesanti per un'azienda che deve vincere sfide di creatività ed innovazione". Il Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti "auspica che queste considerazioni siano tenute in debito conto in sede di conversione in legge del decreto, ritenendo che la necessaria trasformazione della Rai debba essere meditata e utile per il Paese, senza inaccettabili lesioni, attraverso la leva economica, di quell'indipendenza dell'informazione che è un cardine della democrazia". (ANSA)
14/05/2014 20:08
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.