Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Rai: Prix Italia, Francia e Olanda le piu' premiate. Vince anche Wenders
Francia e Olanda si aggiudicano il maggior numero di riconoscimenti, tre, al Prix Italia della Rai, la rassegna internazionale che premia le migliori produzioni per tv, radio e web che si conclude oggi a Torino.
Segue la Germania con due, uno per Gran Bretagna, Norvegia, Polonia, Svezia, Svizzera. Per l'Italia un premio speciale al sito Ilpost.it e una menzione per il programma di La7 'Quello che (non) ho'. Tra i vincitori del 64mo Prix Italia per la sezione Tv, anche il celebre regista Wim Wenders che ha realizzato per l'emittente tedesca Zdf il film 'Pina', dedicato alla coreografa e danzatrice Pina Bausch. Wenders si e' aggiudicato il premio per la sezione Rappresentazioni Artistiche. Due programmi francesi, uno inglese, uno olandese e uno norvegese sono i vincitori nella sezione Radio. La francese Arte Radio ha vinto il premio per la migliore opera originale con 'Auto goal', di Mariannick Bellot e Arnaud Forest, tre puntate su una squadra di calcio multirazziale. Francese anche 'La notte allucinata' di Paul Malinowsk per Srf Radio France, che vince come migliore composizione musicale. Il premio per il documentario di migliore qualita' globale va, invece, a 'Ragione e sentimento', del norvegese Lasse Nederhoed per Nrk, la storia di un adulto affetto da sindrome da deficit di attenzione e iperattivita'. Tra i documentari di straordinaria originalita' e innovazione nelle forma del linguaggio documentaristico ha vinto la Bbc con 'Notti senza filo: 1. Consegna Notturna' di Laurence Grissel. Il miglior adattamento radiofonico e' stato giudicato invece 'Mamma Tandoori' di Vibeke von Saher per la Npo (Paesi Bassi), una storia autobiografica di una famiglia dei nostri giorni divisa tra due culture, quella olandese e quella indiana. Una sola menzione speciale, infine, per la composizione musicale 'Lettere dalla prigione', della Nrk norvegese, dal forte messaggio espressivo. La giuria infine non ha assegnato alcun premio nella sezione Programmi sulla musica non ritenendo rilevanti le opere in concorso. (ASCA)
 
22/09/2012 06:46
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.