Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI: scoglio palinsesti nel CdA, il PDL spinge Miss Italia. Si cerca l’intesa di 600 uscite volontarie (70 giornalisti), consultazione sul contratto di servizio
E' partita dai palinsesti autunnali la controffensiva del Pdl in consiglio di amministrazione Rai. Nella riunione informale che si e' tenuta oggi a Viale Mazzini, il consigliere Guglielmo Rositani ha perorato la causa di Miss Italia, cancellato per la prima volta dalla tv pubblica per scelta del presidente Anna Maria Tarantola e del dg Luigi Gubitosi tra le proteste degli organizzatori.
Quella di Rositani e' un'opinione condivisa in area Pdl, che, piu' che per l'assenza del concorso di bellezza, protesta per il peso ritenuto pressoche' irrilevante del consiglio di amministrazione nell'iter decisionale. Giovedi' prossimo l'argomento tornera' in discussione e i consiglieri del Pdl torneranno a chiedere di trasmettere Miss Italia, eventualmente in versione ridotta rispetto al passato, ma soprattutto porranno sul tavolo il tema del ruolo del cda e piu' in generale della politica in Rai. E non e' escluso che l'approvazione dei palinsesti finisca con lo slittare ancora. La data della presentazione agli investitori, dopo la cancellazione dell'appuntamento del 18 giugno per la concomitanza con i Lions della Pubblicita' a Cannes, non e' ancora stata fissata. Per il vertice risollevare le entrate pubblicitarie, che continuano a scendere, e' determinante per rimettere in sesto i conti. Sul fronte della riduzione dei costi, va invece avanti la trattativa per le uscite dei lavoratori che hanno raggiunto i requisiti della pensione. Le adesioni volontarie sono circa 450, di cui quasi 330 tra impiegati, operai e quadri, una cinquantina di dirigenti e una settantina di giornalisti. L'azienda intende raggiungere quota 600 con l'obiettivo di risparmiare 70 milioni l'anno a regime. Ieri in Confindustria si e' tenuto un incontro tra l'azienda e i sindacati del personale non giornalistico: manca ancora l'accordo su quali lavoratori abbiano i requisiti per accedere al piano. Sul piatto c'e' l'anticipo delle stabilizzazioni dei contratti a tempo indeterminato che, da qui al 31 marzo 2014, dovrebbe coinvolgere circa 500 lavoratori. L'intesa dovrebbe essere raggiunta entro il mese, anche perche' in assenza la trattativa potrebbe finire al ministero dello Sviluppo Economico in vista di un ipotetico stato di crisi. Il ministro Flavio Zanonato e' per il momento impegnato nel rinnovo del contratto di servizio Rai 2013-2015. ''Sara' una grande occasione di novita' e discontinuita' rispetto al passato - ha promesso davanti alla Commissione Trasporti e tlc della Camera -. Dovra' essere un testo capace di rispondere alle crescenti richieste del pubblico in termini di interattivita' e pluralismo''. Il viceministro alle Comunicazioni, Antonio Catricala', ha annunciato che prima della stesura ci sara' una consultazione con le associazioni dei consumatori e forse anche con le parti sociali. ''Una consultazione in forma ridotta – ha spiegato - che sara' il banco di prova di una piu' grande, in vista della scadenza del maggio 2016, quando il servizio pubblico sara' messo a gara''. (ANSA)
 
11/06/2013 17:56
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.