Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI, Siddi (FNSI): va chiesto un progetto di azienda che individui obiettivi e prodotti editoriali e che, se possibile, costi di meno
 
Il Segretario Generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana e membro del Comitato direttivo del Sindacato mondiale di categoria (Ifj), Franco Siddi, in un incontro con il Segretario dell'Usigrai, Vittorio Di Trapani, ha ribadito l'impegno della Fnsi e del Sindacato internazionale dei giornalisti (Ifj) per la difesa e il rilancio del servizio pubblico radiotelevisivo.
Questa la sintesi della posizione espressa a nome della Fnsi: «L'innovazione della Rai e il rilancio del servizio pubblico non si misurano in una gara a chi é più bravo a toglierle soldi e farla funzionare con minori risorse. Bisogna stare attenti. Se passasse come conclusione sommaria di un dibattito in corso questa indicazione secca, entrerebbero in campo gli esperti, i ragionieri dei conti, non gli specialisti che sanno fare la radiotelevisione migliore per il Paese. La sfida non può essere allora quella sulla quantità dei quattrini da togliere alla Rai con sottrazione di una quota del canone, a prescindere, ma di rispondere alle tante domande poste dall'Europa e dalla società civile, in quasi venti anni, per una condizione operativa diversa per il servizio pubblico radioTv e per l'intero sistema dell'informazione in Italia. A lla Rai va chiesto un progetto di azienda che individui obiettivi e prodotti editoriali e che, se possibile, costi di meno. Diversamente il rischio é di minare dalle fondamenta un bene del Paese esponendolo alle intemperie di un mercato drogato, che troppi guasti ha provocato e sicuramente ha alimentato costi, e forse, sprechi«. «Naturalmente gli sprechi - se ci sono – vanno individuati, certificati chiaramente ed eliminati. Ma attenzione - ammonisce Siddi -: una linea di tagli, mentre manca la lotta all'evasione del canone e manca un'istanza chiara di una nuova missione di servizio su cui fare i conti, comporta rischi industriali gravi, e, per chi guarda al lavoro, il pericolo che, per salvare le star che costano e «fanno mercato«, siano sottopagati o mandati a casa i giovani e gli operatori che assicurano lavoro essenziale. Detto questo, serve più servizio pubblico e più libero in Italia. Su questo ben venga, allora, e sia concreta la sfida del Presidente Renzi quando annuncia che la Rai non sarà mai più né dei partiti né del Governo«. «Per rispondere allo spread che paga l'Italia, a livello internazionale - con richiami degli organismi istituzionali europei e delle agenzie di valutazione del grado di indipendenza e libertà dei media -, da qui si deve partire per valutare chi é davvero innovatore e chi invece sta nel campo conservatore. Non si può partire invece da tagli indistinti che possono mettere in ginocchio, a prescindere, azienda e tv pubblica«, aggiunge il segretario generale del sindacato dei giornalisti. «La Fnsi - prosegue la nota - chiede perciò l'apertura di un confronto a tutto campo tra pretesi innovatori e pretesi conservatori, senza reticenze e senza slogan precostituiti, sul merito delle cose e delle questioni reali che possono far compiere al Paese un balzo in avanti nella considerazione pubblica e nell'effettiva riqualificazione dei suoi servizi, compreso quello della radiotelevisione. E per dare un segnale chiaro che si vuole liberare la Rai dai partiti e dai governi, si deliberi subito una nuova fonte di nomina attraverso un provvedimento per una nuova governance. In Parlamento ci sono ampi materiali utili da riprendere, a partire dai progetti Gentiloni, per tenere la Rai alla larga dal conflitto di interessi e dalle improprie invasioni politiche. Altri ce ne sono per il rinnovo della concessione di servizio pubblico. Altri ancora - che la Corte europea dei diritti dell'uomo ci chiede con forza - per correggere la legislazione illiberale sui reati a mezzo stampa. In sede di Federazione Internazionale dei Giornalisti, la sofferenza per la condizione italiana su tutto questo - veramente di carattere conservatore - é grande e l'auspicio é che, passata questa fase di dibattito con molte personalizzazioni e forte caratura emozionale della comunicazione, si passi davvero a quel confronto a tutto campo attraverso il quale far emergere l'innovazione che conta per il bene del Paese, del pluralismo dell'informazione, della qualità e dell'efficienza del servizio pubblico radiotelevisivo. La Federazione nazionale della Stampa italiana, d'intesa con l'Usigrai, si impegnerà a fondo nella costruzione di una relazione sociale con i corpi intermedi e le istituzioni per una vera sfida riformatrice«. (ASCA)
16/05/2014 09:39
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”