Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI: sindacati, stato agitazione e sit in a Saxa Rubra
La RSU della Direzione Produzione di Roma (CGIL – CISL – UIL – UGL - LIBERSIND) e la Segreteria Regionale dello SNATER ha proclamato lo Stato di Agitazione della Direzione produzione di Roma e ha convocato per il giorno 7 dicembre 2011 un’assemblea/Sit-In davanti ai cancelli di Saxa Rubra per respingere con forza il piano di dismissione approntato dal C.d.A. RAI.
La delegazione Sindacale ritiene la cosiddetta “razionalizzazione” delle Riprese esterne (le stesse che stanno realizzando varie produzioni come il programma di Fiorello) "un atto gravissimo di ridimensionamento delle potenzialità produttive e professionali dei lavoratori della RAI, nonché l’inizio della dismissione della Produzione Televisiva RAI con ricadute nefaste su Centri e Sedi di produzione". "Questo “modus operandi” - spiega il sindacato - inoltre compromette seriamente la capacità realizzativa dei prodotti editoriali delle reti, che in questo modo diventeranno inevitabilmente dei meri canali di messa in onda di produzioni esterne. Le Organizzazioni Sindacali considerano che i provvedimenti presi, prevedendo un “esubero” di 475 lavoratori della RAI senza tener conto del personale non tecnico e di staff che contribuisce alle attività del settore, siano di fatto il posizionamento di una pietra tombale sul futuro della TV pubblica. L’illusorio tentativo aziendale di rassicurare il sindacato con la garanzia di ricollocamento dei lavoratori del settore non ha convinto ne può trovare d’accordo le OO.SS. sulle scelte perpetrate dalla RAI. La delegazione sindacale ritiene che le scelte aziendali, decise nell’ultimo C.d.A. non sono altro che un atto di dilettantismo manageriale, consumato da Amministratori con la valigia in mano che hanno un solo mandato: Quello di porre le basi per un depotenziamento irreversibile della RAI".
05/12/2011 13:50
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.