Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Rai, Tar accoglie i ricorsi: ''Illegittimi i provvedimenti su Fazio-Annunziata''
Il Tar del Lazio ha accolto i ricorsi proposti dalla Rai avverso i provvedimenti con cui l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) ha ordinato alla Concessionaria di Servizio Pubblico di assicurare, nel ciclo del programma ''Che tempo che fa'' e nel ciclo del programma ''In mezz'ora'', adeguato spazio al soggetto politico P.d.L., ripristinando parità di trattamento.
Ne dà notizia la stessa Rai. Il procedimento era stato avviato a seguito di un esposto presentato dal Presidente del Gruppo parlamentare presso la Camera dei Deputati 'Il Popolo della libertà - Berlusconi Presidente', Renato Brunetta, nel quale si lamentava che nelle predette trasmissioni televisive, nel periodo compreso tra settembre 2012 e maggio 2013, su 60 puntate trasmesse, sarebbero stati ospitati molti più esponenti riconducibili all'area del centrosinistra rispetto ad ospiti riconducibili alla coalizione di centrodestra. Il Giudice amministrativo ha ritenuto illegittimi i provvedimenti dell'Agcom stabilendo che ''come appropriatamente osserva la ricorrente, l'Agcom ha qui applicato ad un programma di informazione le regole e i canoni, di tipo quantitativo, stabiliti dall'ordinamento per i programmi di comunicazione politica nel periodo elettorale, e per cui esiste una disciplina speciale nella 1.L. 22 febbraio 2000, n. 28: per valutare la correttezza dell'informazione fornita da 'In mezz'ora', è stato cioè predisposto un semplice calcolo statistico sulle presenza (a prescindere se, in specie, le appartenenze degli intervistati siano state correttamente individuate), e su tale fondamento si è pervenuti al provvedimento gravato''. Inoltre lo stesso Tar ha affermato in entrambe le motivazioni che ''invero per chi legittimamente dispone ed è responsabile del medium, la libertà d'informare include anche quella di stabilire, secondo esperienza ed a proprio rischio professionali, a quali informazioni politico-sociali l'opinione pubblica sia maggiormente interessata in un determinato momento, scegliendo egli per conseguenza quale prodotto informativo offrire, secondo il format impiegato.'' Il Tar ha quindi statuito il seguente principio di diritto: ''Per stabilire se una trasmissione di informazione rispetti i principi di completezza e correttezza dell'informazione, obiettività, equità, lealtà, imparzialità e pluralità dei punti di vista e parità di trattamento non è particolarmente significativo il numero degli esponenti di ciascun raggruppamento politico e la quantità di tempo a ciascuno di essi dedicata'' essendo invece necessario verificare le concrete ''modalità di conduzione del programma … con riferimento a criteri qualitativi'' considerando ad esempio ''quale trattamento sia stato riservato ai politici interessati … se una maggiore presenza dei rappresentanti di una certa forza politica possa trovare adeguata giustificazione dalle vicende interne a questa forza politica e in un determinato periodo … a quali informazioni politico-sociali l'opinione pubblica sia maggiormente interessata in un determinato momento''. La Rai esprime soddisfazione per l'accoglimento delle proprie istanze. Il direttore di Rai3, Andrea Vianello, commenta: "Sono molto soddisfatto per la sentenza del Tar e sono molto contento per la Rai, per Raitre e soprattutto per due grandi professionisti come Fabio Fazio e Lucia Annunziata che avevano subito una accusa rivelatosi alla fine gratuita e inconsistente". "Quella di oggi - aggiunge Vianello - è una sentenza importantissima perché sancisce due cose. Primo, due tra i nostri programmi più autorevoli non hanno violato il pluralismo che li contraddistingue come abbiamo sempre sostenuto. Secondo che l'informazione televisiva non è uguale alla comunicazione politica: segue le regole della priorità delle notizie e delle scelte giornalistiche e non le mere misurazioni matematiche di tempo e di parola con il bilancino. La Rai, con le sue trasmissioni, continuerà ad assicurare, come sempre, l'equilibrio e il rispetto del pluralismo", conclude Vianello. (Adnkronos)
05/02/2014 17:36
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.